Ripresa del settore automobilistico: analisi dei prezzi Ford, Renault, Daimler

Scritto da: Michael Harris
Febbraio 22, 2021
  • Ford ha annunciato che aumenterà il suo investimento multimiliardario nei veicoli elettrici.
  • Daimler ha affermato di aver assistito a una forte ripresa delle vendite di auto, guidata dalla Cina.
  • Renault sta affrontando grandi difficoltà dopo aver segnalato una perdita di 8 miliardi di euro per il 2020.

L’industria automobilistica è in una chiara modalità di ripresa poiché le principali case automobilistiche segnalano un aumento delle vendite per la seconda metà dell’anno.

Ford aumenta la posta in gioco per i veicoli elettrici

Ford (NYSE: F) ha annunciato questa settimana che investirà $1 miliardo nella sua fabbrica nella città tedesca di Colonia. Lo stabilimento esistente verrà modificato per consentire la produzione di veicoli elettrici (EV).

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

L’obiettivo è quello di avere la gamma completa delle sue autovetture in Europa “a emissioni zero, completamente elettriche o ibride plug-in” entro la metà del 2026. In definitiva, l’intera offerta dovrebbe essere completamente elettrica entro il 2030.

“Il nostro annuncio di oggi per trasformare il nostro stabilimento di Colonia, sede delle nostre operazioni in Germania da 90 anni, è uno dei più significativi che Ford abbia realizzato in oltre una generazione”, ha affermato Stuart Rowley, presidente della divisione europea di Ford.

“Sottolinea il nostro impegno per l’Europa e un futuro moderno con i veicoli elettrici al centro della nostra strategia di crescita”, ha aggiunto.

All’inizio di questo mese, Ford ha registrato una perdita netta di $2,8 miliardi nel quarto trimestre, rispetto a una perdita netta di $1,7 miliardi dell’anno precedente. La società ha riportato che le sue entrate per l’intero anno sono scese del 18% a $127 miliardi.

L’azienda ha impegnato $29 miliardi per veicoli elettrici e veicoli autonomi (AV).

“Abbiamo visto un veicolo su 10 venduti in Europa a dicembre essere esclusivamente elettrico. Le vendite di veicoli elettrici in Cina continuano a crescere e la realtà è che i clienti, anche negli Stati Uniti, stanno dando sempre maggiore considerazione alla mobilità elettrica”, ha affermato Ford CEO Jim Farley. “Non abbiamo intenzione di cedere terreno ad altri”.

Grafico mensile Ford (TradingView)

Tecnicamente parlando, le azioni Ford sono aumentate di circa il 10% a febbraio dopo aver guadagnato quasi il 20% a gennaio. L’azione dei prezzi si è fermata alla 100-MMA sopra il livello di $12, che continuerà a fungere da resistenza a breve termine.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Daimler pubblica ottimi risultati

Proprio come Ford, il proprietario della Mercedes Benz Daimler (EPA: DAI) ha detto che l’industria automobilistica sta attualmente subendo una trasformazione.

“Oltre a quello che sappiamo, e francamente è costruire le auto più desiderabili al mondo, ci sono due tendenze tecnologiche su cui stiamo raddoppiando: l’elettrificazione e la digitalizzazione”, ha detto.

Il produttore Mercedes-Benz stava investendo miliardi di dollari in innovazione e guida senza emissioni di CO2, ha affermato Källenius, aggiungendo che questo decennio dovrebbe essere “trasformativo”.

Sul fronte dei risultati, Daimler AG ha dichiarato oggi di aspettarsi un aumento sostanziale delle vendite e dell’utile operativo quest’anno grazie a una forte ripresa dalla pandemia di coronavirus. La casa automobilistica ha affermato di ritenere che compenserà le perdite di produzione subite a causa di un deficit di chip semiconduttori.

Il produttore Mercedes-Benz ha affermato che la carenza di chip dovrebbe danneggiare le sue vendite solo nel primo trimestre. La maggior parte delle case automobilistiche ha recentemente affrontato le stesse sfide a causa di questo deficit.

Daimler ha anche confermato i suoi risultati preliminari sugli utili per lo scorso anno e ha aggiunto che non si aspetta ulteriori difficoltà dalla pandemia in arrivo. La casa automobilistica ha ricevuto un grande impulso in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, poiché i consumatori hanno mostrato un forte interesse per i veicoli di lusso.

La casa automobilistica tedesca ha riferito il mese scorso che i suoi guadagni di gruppo prima degli interessi e delle tasse (EBIT) per il 2020 sono saliti a 6,60 miliardi di euro ($7,95 miliardi), grazie a una forte ripresa nel settore automobilistico.

“L’anno 2020 è stato uno stress test per quasi tutte le aziende in quasi tutti i settori”, ha affermato il CEO di Daimler Ola Källenius in una dichiarazione. “Il team Daimler ha gestito molto bene questo test.”

In futuro, la società prevedeva che i ricavi del gruppo e l’utile operativo per quest’anno sarebbero aumentati di oltre il 7,5% e il margine rettificato dalle sue attività di auto e furgoni Mercedes sarebbe aumentato tra l’8% e il 10%.

Grafico mensile Daimler (TradingView)

Le azioni di Daimler sono ora aumentate di oltre il 15% a febbraio mentre la forte ripresa a forma di V continua. L’azione dei prezzi ha rotto al di sopra della resistenza a lungo termine di €60,00 aprendo la strada verso la prossima linea di resistenza a €76,00.

La Renault fatica a guadagnare trazione

A differenza di Daimler, la casa automobilistica francese Renault (EPA: RNO) ha riportato un’enorme perdita per il 2020 e prospettive difficili per l’anno in corso. La società ha registrato una perdita di 8 miliardi di euro ($9,71 miliardi) per il 2020, che è peggiore dei 7,4 miliardi di euro previsti dall’analisi di mercato.

“Il 2021 sarà difficile, date le incognite riguardanti la crisi sanitaria e la carenza di forniture di componenti elettronici”, ha affermato De Meo.

Renault sta cercando di tagliare i costi ma mantenere la sua competitività mentre l’azienda soffre anche della carenza di chip semiconduttori che sta colpendo l’intera industria automobilistica.

“È una battaglia continua fino, credo, alla fine dell’anno, ma crediamo che la carenza di forntitura si attenuerà nella seconda metà, ma dobbiamo solo combattere. È molto difficile prevedere quale sarà l’impatto esatto e preciso”, ha aggiunto De Mao.

Grafico settimanale Renault (TradingView)

La Renault ha affermato che le sue vendite erano ancora in calo nella seconda metà del 2020, ma a un ritmo più lento. Come previsto, il prezzo delle azioni Renault ha chiuso la scorsa settimana in rosso. L’azione sui prezzi sta ora testando la 100-WMA vicino a €37,00.

In sintesi

Il proprietario della Mercedes Benz Daimler ha riportato numeri che mostrano che è in gioco una forte ripresa, che è l’opposto di quello che sta vivendo la Renault. Ford, d’altra parte, ha ulteriormente aumentato gli investimenti in veicoli elettrici.