Il piano fiscale di Biden potrebbe essere retroattivo: il parere degli esperti

By: Jayson Derrick
Jayson Derrick
Jayson vive a Montreal con sua moglie e sua figlia, ama guardare l'hockey ed è alla ricerca di una… read more.
on Apr 24, 2021
  • Il potenziale aumento dell'imposta sulle plusvalenze potrebbe essere retroattivo.
  • Jim Cramer dice che gli aspiranti milionari odieranno questa tassa.
  • I professionisti degli investimenti ipotizzano che l'aliquota fiscale finale possa scendere tra il 20% e il 40%.

Le azioni statunitensi hanno riportato forti ribassi da giovedì pomeriggio, dopo che un rapporto di Bloomberg ha detto che l’amministrazione Biden sta considerando di raddoppiare l’aliquota fiscale sulle plusvalenze. Sebbene questa legge possa richiedere mesi per farsi strada attraverso il sistema legale, alcuni esperti ipotizzano che l’imposta potrebbe essere retroattiva.

L’imposta si applicherebbe ai guadagni una tantum

Le persone che guadagnano $1 milione o più in un anno grazie a una vendita di beni una tantum sarebbero ingiustamente soggette alla nuova aliquota fiscale. Secondo Robert Frank della CNBC, gli imprenditori che hanno trascorso decenni a costruire un’impresa e poi la venderanno nel 2022 per $2 milioni per guadagnarsi la pensione sarebbero soggetti a oneri fiscali troppi ampi.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Lo stesso vale per qualcuno che ha acquistato una casa negli anni ’60 e ora vale più di $1 milione. In quanto tale, la nuova tassa avrebbe sicuramente un impatto sulle persone al di fuori di Wall Street e delle aziende americane.

Cramer: gli aspiranti milionari odieranno questa tassa

L’idea di una tassa più alta per le persone che guadagnano più di $1 milione è un nuovo disagio per gli aspiranti milionari, ha spiegato Jim Cramer della CNBC. Gli aspiranti milionari e i grandi lavoratori sono quelli che saranno i più “furiosi” con il cambiamento.

La percentuale effettiva di americani che sarebbero colpiti dalla tassa oggi è intorno allo 0,3%, o meno di 500.000 persone. La maggior parte di queste persone è in grado di respingere l’imposta più elevata come semplice costo per fare affari.

“Questo è ciò su cui mi concentro, le persone che vogliono diventare milionarie”, ha detto Cramer.

Imposte retroattive sono già esistite

Gli investitori che si affrettano a vendere le proprie partecipazioni prima di un aumento delle tasse potrebbero rimanere delusi nello scoprire che l’imposta potrebbe essere retroattiva. Questo è stato il caso durante l’amministrazione Clinton quando il Tax Reform Act del 1993, quando sono state aumentate retroattivamente nuove tasse su individui e imprese.

“Suppongo che se l’attuale amministrazione fosse abbastanza disperata, la retrodaterebbe a gennaio”, ha evidenziato Kenny Polcari, capo stratega di mercato di Slatestone Wealth Management, a Fox Business. “Penso che ci sarebbe una rivoluzione se provassero ad aumentare le tasse così tanto di passaggio e poi provassero a retrodatarla. Penso che sarebbe brutto. “

Biden ha detto “molto chiaramente” quando si candidava alla presidenza che era a favore di tasse più alte per gli americani più ricchi. Ma l’entità e la portata del potenziale aumento delle tasse a nord del 40% è stata una sorpresa.

L’aliquota fiscale finale probabilmente scenderà da qualche parte tra il 20% e il 40% poiché entrambe le parti del corridoio politico “contratteranno”, ha riferito Polcari. Ciò darebbe anche a Democratici e Repubblicani l’opportunità di proclamare “una piccola vittoria”.

Il famoso economista El-Erian: problemi più grandi di cui parlare

Ci sono problemi più grandi da studiare per gli investitori in azioni rispetto a un aumento dell’imposta sulle plusvalenze, ha dichiarato separatamente a Fox Business il noto economista e presidente di Cambridge Mohamed El-Erian. In particolare, il mercato è stato condizionato e ora si “aspetta molto dalla [Riserva Federale degli Stati Uniti]”.

Finora, la banca centrale statunitense ha chiarito che avrebbe continuato a fornire supporto ai mercati statunitensi. Al contrario, la Banca del Canada ha dichiarato giovedì che ridurrà gli acquisti di obbligazioni un anno prima del previsto.

“Questo è quello che dovremmo fare”, ha detto riferendosi alla banca centrale degli Stati Uniti. “Abbiamo anche squilibri finanziari, ma non è quello che farà la Fed”.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro