USD/NOK in head and shoulders invertito dopo i dati del CPI norvegese

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Mag 10, 2021
  • L'USD/NOK è stato sotto pressione dopo i deboli dati sull'occupazione negli Stati Uniti.
  • La corona norvegese ha reagito ai dati sull'inflazione relativamente deboli.
  • Anche i prezzi relativamente alti del greggio hanno spinto la corona al rialzo.

La coppia USD/NOK è scesa leggermente oggi dopo i numeri relativamente deboli dell’inflazione norvegese e l’aumento dei prezzi del petrolio greggio. Viene scambiata a 8,2182, che è leggermente al di sopra del minimo intraday di 8,1915.

USD/NOK
Azione di prezzo USD/NOK

L’inflazione norvegese e l’aumento dei prezzi del petrolio

I prezzi al consumo in Norvegia hanno deluso ad aprile, poiché la ripresa economica del Paese è proseguita. Secondo Statistics Norway, l’indice dei prezzi al consumo (CPI) principale è passato dal -0,3% di marzo allo 0,3% di aprile. Questo aumento è stato leggermente inferiore alla stima mediana dello 0,5%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

I prezzi sono aumentati del 3,0% su base annua, in calo rispetto al precedente 3,1%. Questa performance è stata principalmente dovuta ai prezzi di cibo e bevande alcoliche e analcoliche. Sono stati parzialmente compensati dai prezzi di trasporto e arredamento.

Nel frattempo, l’indice dei prezzi al consumo di base che esclude i prezzi volatili di cibo ed energia, è aumentato del 2,0% dopo essere aumentato del 2,7% nel mese precedente. Inoltre, l’indice dei prezzi alla produzione è passato dal 18,4% al 22,5%.

Questi numeri sono arrivati una settimana dopo la Norges Bank ha emesso la sua decisione sul tasso di interesse. La banca ha lasciato i tassi di interesse invariati e ha accennato a un possibile rialzo dei tassi nella prossima metà dell’anno.

La coppia USD/NOK è in difficoltà anche a causa dell’indebolimento del dollaro USA. L’indice del dollaro ha continuato a scendere dopo i deludenti dati sui libri paga non agricoli negli Stati Uniti. I dati hanno mostrato che l’economia ha creato meno posti di lavoro ad aprile di quanto si aspettassero gli analisti. Il Dipartimento del Lavoro ha anche rivisto al ribasso gli spettacolari libri paga di marzo. Peggio ancora, il tasso di disoccupazione è salito al 6,1%.

Inoltre, i prezzi del petrolio greggio e di altre commodities hanno continuato a salire. Il prezzo del Brent è salito a $68,33 mentre il prezzo del West Texas Intermediate (WTI) è salito a $65,40.

La coppia reagirà agli ultimi dati sull’inflazione statunitense mercoledì e ai discorsi di diversi membri della Fed martedì. Risponderà anche alle ultime vendite al dettaglio negli Stati Uniti e ai dati sul PIL norvegese.

Prospettive tecniche USD/NOK

USD/NOK
Grafico USD/NOK

Il grafico a tre ore mostra che la coppia USD/NOK ha registrato una forte tendenza al ribasso da venerdì della scorsa settimana. Di conseguenza, il prezzo si trova sulla linea inferiore delle bande di Bollinger. È anche leggermente al di sotto delle medie mobili a breve e lungo termine. In particolare, ha formato una cup invertita e un modello di handle che di solito è un segno rialzista. Pertanto, c’è la possibilità che si riprenda più tardi questa settimana. Tuttavia, una mossa al di sotto di 8,1300 invaliderà questa previsione. In una nota, un analista di ING ha osservato:

“Tuttavia, questo CPI non sembra in grado di influenzare la posizione di Norges Bank come prima banca centrale del G10 ad aumentare i tassi nel corso dell’anno e l’USD/NOK dovrebbe essere in grado di ritestare il minimo dell’anno a 8,15 a breve”.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro