Il 43% delle aziende accelera gli investimenti IA, rivela un sondaggio IBM

By: Ajay Pal Singh
Ajay Pal Singh
Ajay ha lavorato alla Tata Motors nella pianificazione dei progetti prima di scoprire la sua passione per le azioni. Oggi vive… read more.
on Mag 12, 2021
  • Il 43% delle aziende sta accelerando gli investimenti nell'IA.
  • L'elaborazione del linguaggio naturale (PNL) è stata in prima linea nell'adozione dell'IA.
  • L'esperienza o la conoscenza limitata dell'IA è il principale ostacolo all'adozione della stessa.

International Business Machines Inc. (NYSE: IBM) ha appena pubblicato i risultati del suo sondaggio annuale in un rapporto intitolato Global AI Adoption Index 2021 che ha rivelato come la pandemia COVID-19 abbia accelerato l’adozione dell’intelligenza artificiale (IA).

Risultati principali

Tra i principali risultati del rapporto, il sondaggio ha rivelato che il 43% delle aziende sta accelerando gli investimenti nell’IA uscendo dalla pandemia. E il 90% di queste aziende sta implementando risorse per capire come gestire i dati su più ambienti cloud.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Anche se le aziende hanno mostrato un crescente interesse per l’IA, rimangono ancora ostacoli all’adozione poiché il 32% delle aziende ha riferito di avere difficoltà a capire come rendere i propri dati pronti.

Il sondaggio ha anche rivelato che l’80% delle aziende utilizza già software di automazione o prevede di utilizzare questa IA nei prossimi 12 mesi. Più di un’organizzazione su tre ha riferito che la pandemia ha avuto un impatto sulla loro decisione di implementare la tecnologia.

Le applicazioni basate sull’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) sono state in prima linea nell’adozione dell’IA con quasi la metà delle aziende che utilizzano la tecnologia NLP.

Principali casi d’uso

Rob Thomas, vicepresidente senior di IBM Cloud and Data Platform, in un’intervista con CNBC ha affermato che i primi cinque casi d’uso per l’adozione dell’IA sono stati operazioni IA, Customer Service, Employee Experience, conformità normativa e pianificazione finanziaria e budget.

Ha anche affermato che questi casi d’uso hanno applicazioni in tutti i settori e l’adozione dell’intelligenza artificiale porta a una rapida implementazione e quindi a vantaggi più rapidi. Ad esempio, ha condiviso che 100 aziende sono state in grado di implementare strumenti di intelligenza artificiale per le applicazioni del servizio clienti entro 30 giorni.

“La grande maggioranza di questi investimenti continua a concentrarsi sulle tre funzionalità chiave che definiscono l’IA per il business: automatizzare l’IT e i processi, creare fiducia nei risultati dell’IA e comprendere il linguaggio del business”, ha affermato Rob Thomas.

I principali ostacoli all’adozione dell’IA


Il sondaggio ha stabilito che i tre principali ostacoli all’adozione dell’IA sono la limitata esperienza o conoscenza della stessa, l’aumento della complessità dei dati e dei silos di dati, e la mancanza di strumenti/piattaforme per lo sviluppo di modelli di IA rispettivamente con il 39%, 32% e 28% dei partecipanti al sondaggio, citandoli come barriere.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro