DXY: indice del dollaro USA al minimo di 4 mesi, in linea con le stime ING

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo figlio e… read more.
on Mag 18, 2021
  • L'indice del dollaro USA è sceso al livello più basso degli ultimi quattro mesi.
  • Il declino è avvenuto dopo che i funzionari della Federal Reserve hanno indicato un allentamento.
  • Questo calo è stato in linea con quanto previsto la scorsa settimana dagli analisti di ING.

Il selloff dell’indice del dollaro USA (DXY) è ripresa quando i timori di alti tassi di interesse negli Stati Uniti hanno iniziato ad allentarsi. L’indice è sceso a $89,75, il livello più basso dal 25 febbraio.

Dollar index
Azione di prezzo dell’indice del dollaro USA

Riprende il selloff dell’indice del dollaro USA

Il DXY è salito la scorsa settimana dopo i dati relativamente forti sull’inflazione dei consumatori e dei produttori degli Stati Uniti. I dati generali sull’inflazione al consumo sono aumentati del 4,2% su base annua ad aprile. Nello stesso periodo, l’indice dei prezzi alla produzione è aumentato del 6,2%, il numero più alto dal 2011.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Questi numeri, insieme alla contrazione del mercato del lavoro, hanno spinto molti investitori a iniziare a valutare un cambio di politiche da parte della Federal Reserve.

Tuttavia, questa settimana, la paura dell’inflazione si è attenuata dopo che diversi funzionari della Fed hanno accennato allo status quo. In un’intervista di ieri, Raphael Bostic della Fed di Atlanta ha affermato che la Fed manterrà i tassi di interesse al livello attuale. Ha sottolineato il fatto che l’economia stava ancora vivendo una ripresa irregolare. La dichiarazione era in linea con quanto indicato da Robert Kaplan della Fed, che prevedeva un aumento dei tassi nel 2022.

Il calo del dollaro è in linea con quanto scritto la scorsa settimana dagli analisti di ING. Avevano scritto:

“Non ci aspettiamo che il rally del dollaro indotto dall’elevato CPI di aprile negli Stati Uniti abbia gambe persistenti poiché è improbabile un imminente inasprimento della Fed e il tasso di cambio fortemente negativo degli Stati Uniti dovrebbe dominare e pesare sull’USD. Il DXY scenderà sotto i 90,00 nelle prossime settimane”.

Il calo dell’indice del dollaro USA è stato di ampia portata. La valuta è diminuita di oltre lo 0,50% contro l’euro e dello 0,46% contro la sterlina. La sterlina è aumentata dopo i dati positivi sui posti di lavoro nel Regno Unito. Il dollaro è inoltre diminuito dello 0,60% contro il franco svizzero e dello 0,30% contro la corona svedese.

Previsioni tecniche DXY

DXY
Azione di prezzo DXY

Il grafico a quattro ore mostra che il DXY è sceso a $89,75 oggi. In calo, si è spostato al di sotto dell’importante supporto a $89,65. È anche sceso al di sotto delle medie mobili esponenziali a 25 e 15 giorni (EMA), mentre il MACD è sceso al di sotto della linea neutra. Allo stesso modo, l’indice di forza relativa si è spostato al livello di ipervenduto di 30. Pertanto, il percorso di minor resistenza per l’indice del dollaro è inferiore. C’è la possibilità che scenda a $89,5 nel breve termine.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro