DXY: indice del dollaro sale mentre l’inflazione negli USA vola ai massimi del 2008

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Giu 10, 2021
  • L'indice del dollaro USA è inclinato al rialzo dopo gli ultimi dati sull'inflazione USA.
  • Il CPI principale negli Stati Uniti è aumentato del 5%, mentre il CPI core è aumentato del 3,2%.
  • L'indice ha anche reagito all'ultima decisione sui tassi di interesse della BCE.

L’indice del dollaro USA (DXY) è leggermente aumentato dopo i dati relativamente impressionanti dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) statunitense. L’indice è aumentato dello 0,10% a $90,21.

Inflazione al consumo USA

Tutto è diventato costoso negli Stati Uniti. Secondo l’agenzia di statistica statunitense, il CPI è aumentato dello 0,6% a maggio su base mensile. Questo aumento è stato inferiore al precedente aumento dello 0,8%. Su base annua, il CPI è cresciuto del 5%, in aumento rispetto al precedente del 4,2%. L’anno su anno è stato così forte perché i prezzi al consumo sono diminuiti drasticamente all’inizio della pandemia.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Nel frattempo, il CPI core che esclude i prezzi del petrolio e dei generi alimentari, è aumentato dello 0,7% a maggio dopo essere aumentato dello 0,9% ad aprile. Successivamente, il CPI core è aumentato del 3,8% a maggio, superiore al precedente aumento del 3,0%.

L’aumento dell’inflazione è dovuto principalmente al fatto che l’economia statunitense sta andando bene poiché molti stati riaprono. Inoltre, i prezzi delle materie prime sono aumentati notevolmente. Ad esempio, a maggio, i prezzi della benzina in alcuni stati sono aumentati dopo l’hacking della Colonial Pipeline. Allo stesso tempo, il prezzo della maggior parte delle materie prime come legname, palladio e minerale di ferro è aumentato notevolmente.

Anche l’indice del dollaro USA ha reagito alle ultime cifre iniziali sulle richieste di sussidio di disoccupazione dagli Stati Uniti. Secondo il Bureau of Labor Statistics (BLS), più di 376.000 persone hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione iniziale. Si tratta di un aumento inferiore rispetto all’aumento di 385.000 della settimana precedente. Le richieste continue sono scese da 3.771.000 della settimana precedente a 3.499.000.

Questi numeri mostrano che la forza lavoro statunitense si sta restringendo mentre l’inflazione è in aumento. Tuttavia, la Fed ha insistito sul fatto che questa tendenza è transitoria e che lascerà intatte le sue politiche per tempo.

Anche l’indice del dollaro USA risente dell’andamento dell’euro dopo la decisione della Banca Centrale Europea. La banca ha anche lasciato intatte le politiche sui tassi di interesse e di allentamento quantitativo. L’euro è il più grande costituente del DXY.

Analisi tecnica dell’indice del dollaro USA

Il grafico a quattro ore mostra che l’indice del dollaro USA è stato poco cambiato dopo gli ultimi dati sull’inflazione al consumo negli Stati Uniti. È scambiato a 90,18, dove è stato nelle ultime sessioni. Il prezzo è leggermente al di sopra della linea di tendenza blu ascendente e della media mobile a 25 e 15 giorni. È anche tra il canale ascendente mostrato in blu.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro