I due migliori titoli da comprare dopo l’aumento del 5% dei prezzi al consumo a maggio

By: Motiur Rahman
Motiur Rahman
Md Motiur ama ricercare come le aziende stanno risolvendo le sfide che il mondo dovrà affrontare nei prossimi decenni.… read more.
on Giu 12, 2021
  • I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati del 5% a maggio.
  • Ciò riduce il potere di spesa dei consumatori costringendoli a ridurre il budget per le spese di lusso.
  • Alcune aziende beneficiano di tali situazioni perché i consumatori non possono vivere senza i loro prodotti.

I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati del 5% a maggio, secondo quanto riportato giovedì dall’ufficio di statistica del lavoro. Il mercato prevedeva un aumento dell’inflazione del 4,7% dopo l’aumento del 4,2% ad aprile. La sorpresa al rialzo sarebbe generalmente positiva, ma non nelle circostanze attuali.

Si teme che l’inflazione possa aumentare troppo rapidamente rispetto al tasso di ripresa economica. Alcuni analisti affermano che il forte picco sarà probabilmente temporaneo, ma è ancora una preoccupazione per i consumatori.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Pertanto, aspettati che i consumatori statunitensi riducano la spesa per gli articoli di cui possono vivere senza e si concentrino maggiormente sulle necessità. Alcune opportunità di investimento nasceranno dal cambiamento nel comportamento di spesa. Ecco due titoli che potrebbero beneficiarne.

Kroger

The Kroger Co. (NYSE:KR) è una catena di alimentari nell’S&P 500 con sede a Cincinnati, Ohio. L’azienda gestisce negozi di alimentari e farmaci negli Stati Uniti. Questi sono prodotti che i consumatori trovano difficile tagliare la spesa. Pertanto, KR è un titolo difensivo per il consumatore. Lo rende un candidato perfetto per gli investitori che desiderano proteggere i propri portafogli dall’aumento dell’inflazione.

Le azioni KR vengono scambiate con un interessante rapporto prezzo/utili di appena 11,93. Ha una crescita degli utili prevista del 60% quest’anno.

Fonte: TradingView

Le azioni di Kroger si sono recentemente ritirate dopo aver fissato un nuovo massimo di 3 mesi a circa $39,40. La media mobile a 100 ore nel grafico a 60 minuti fornirà supporto immediato se il prezzo delle azioni scende ulteriormente.

Gli investitori rialzisti possono puntare ai profitti di rimbalzo a $39,37 e $40,76. D’altra parte, gli investitori che cercano di shortare azioni KR possono puntare a profitti a $37,36 e $36,13.

American Electric

Come i beni di prima necessità, i servizi pubblici tendono a prosperare anche quando i consumatori tagliano le spese. Non possono vivere senza elettricità e questo rende attraenti i titoli dei servizi pubblici. American Electric Power Company Inc. (NASDAQ: AEP) è uno dei titoli di servizi pubblici più interessanti da acquistare ora. L’AEP viene scambiato a un interessante rapporto P/E forward di circa 17,01 dopo essersi ritirato nelle recenti sessioni di trading.

Fonte: TradingView

Le azioni AEP sono recentemente tornate a essere scambiate a circa $82,00 per azione prima di iniziare una ripresa. Il titolo è stato scambiato a $84,67 venerdì pomeriggio dopo il rimbalzo. Da allora il rally ha spinto il prezzo dai livelli di ipervenduto dell’RSI a 14 ore alla sezione centrale dell’indicatore.

Gli investitori possono puntare a profitti di rimbalzo estesi a circa $86,45 e $88,44. D’altra parte, i ribassisti AEP possono mirare a profitti di pullback a $83,25 e $81,52.

In conclusione: puoi acquistare KR e AEP per proteggerti dall’aumento dell’inflazione

In sintesi, KR e AEP operano in settori in cui i consumatori non possono tagliare la spesa, anche quando l’inflazione è in aumento. L’aumento del 5% dell’inflazione potrebbe dissuadere i consumatori dalla spesa in beni di lusso, ma i beni di prima necessità e i servizi di pubblica utilità potrebbero non essere così gravemente colpiti.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro