Il CEO di Levi’s sulla gestione dei problemi della supply chain: “è un gioco elusivo”

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Lug 9, 2021
  • Levi's batte le stime di Wall Street nel Q2 e alza la guida per l'anno.
  • Il CEO Bergh discute i problemi della supply chain su "Squawk on the Street" della CNBC.
  • Le azioni della società hanno aperto il 5% ma hanno perso tutti i guadagni nell'ora successiva.

Levi Strauss & Co (NYSE: LEVI) ha battuto le stime di Wall Street nel secondo trimestre fiscale e giovedì ha alzato la sua previsione per l’intero anno. Sulla scia di una performance trimestrale negativa, anche la società di abbigliamento americana ha aumentato il suo dividendo di 2 centesimi a 8 centesimi per azione per il terzo trimestre.

Le osservazioni del CEO, Chip Bergh, su “Squawk on the Street” della CNBC

Nella sua intervista con CNBC, il CEO Chip Bergh ha riconosciuto che i problemi della supply chain (sia COVID che relativi ai fornitori) sono stati una sfida, ma ha lodato il suo team per aver aiutato Levi’s a navigare “molto meglio della maggior parte del settore”.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Abbiamo una base di fornitura molto diversificata. Operiamo in oltre 20 Paesi, abbiamo bloccato tutti i nostri costi fino alla prima metà del prossimo anno fiscale, abbiamo bloccato la maggior parte della nostra capacità produttiva. Ma è un po’ il gioco del “prendi la talpa”. Mentre il COVID colpisce e chiude un particolare mercato, dobbiamo essere veloci, agili e reattivi,” ha detto Bergh su “Squawk on the Street”.

Le entrate di 1,3 miliardi di dollari di Levi nel secondo trimestre hanno visto un impatto negativo di 8 milioni di dollari a causa dei problemi della supply chain, che Bergh ha liquidato come “trascurabile”. L’amministratore delegato ha anche espresso fiducia nell’inventario che ha detto che è stato terminato in calo del 12% in questo trimestre.

“Vedremo che l’inventario sarà costruito verso la fine della seconda metà dell’anno mentre ci prepariamo per quello che pensiamo sarà un anno fiscale piuttosto forte”.

Le fluttuazioni di peso hanno alimentato la domanda di nuovi vestiti

Secondo il CEO, Bergh, molti americani hanno visto un cambiamento nel loro corpo negli ultimi 16 mesi poiché la pandemia ha limitato le persone alle loro case. Questa fluttuazione di peso ha creato la domanda di nuovi vestiti. In futuro, ha aggiunto, è probabile che le vendite rimarranno forti poiché il lancio dei vaccini consentirà alle persone di uscire, viaggiare e pianificare di nuovo le riunioni.

Le azioni della società quotata a 11,29 miliardi di dollari hanno aperto in rizlao del 5% venerdì, ma hanno perso l’intero guadagno intraday nell’ora successiva.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro