Etf Russia giù del 45%: “Le sanzioni sono un’arma che Putin capirà”

Di:
su Mar 1, 2022
  • Il mondo aziendale continua a bloccare la Russia a causa della guerra in Ucraina.
  • Toplensky del WSJ afferma che le sanzioni dovrebbero includere il settore energetico russo.
  • L'ETF iShares MSCI Russia è crollato del 45% in meno di una settimana.

Martedì, l’ETF iShares MSCI Russia (ERUS) è sceso di un altro 10% dopo che i colossi dei pagamenti Mastercard e Visa hanno escluso un elenco di istituzioni finanziarie russe dalle loro reti.

L’annuncio è conforme alle più ampie sanzioni imposte dall’Occidente a Mosca, che hanno ostacolato il suo accesso alle sue riserve estere e rimosso alcune delle banche russe dalla rete di pagamenti globale, SWIFT.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Autrice del WSJ chiede sanzioni più ampie contro la Russia

Sebbene le sanzioni siano già piuttosto severe, un articolo del Wall Street Journal chiede che esse includano anche il settore energetico russo. Durante “Worldwide Exchange” della CNBC, l’autrice Rochelle Toplensky ha dichiarato:

Quello che stiamo vedendo è che l’Europa paga circa 300 milioni di dollari al giorno per gli acquisti di gas alla Russia. E l’Occidente paga circa altri 350 milioni di dollari. Quindi, nonostante queste sanzioni, quei soldi stanno arrivando e alimentando Putin.

Tali sanzioni, tuttavia, potrebbero alimentare i prezzi del petrolio e aggravare l’inflazione al consumo in Occidente. Desta preoccupazione anche il fatto che la Russia potrebbe continuare o addirittura espandere la vendita del proprio petrolio alla Cina. Quindi, la Russia resterebbe davvero sconvolta se il suo settore energetico fosse colpito da sanzioni.

iShares Russia ETF quasi dimezzato in meno di una settimana

L’ETF iShares MSCI Russia ha perso quasi la metà del suo valore da giovedì mattina, quando la Russia ha lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina. L’indice MOEX Russia continua a rimanere chiuso durante la guerra in Ucraina.

Questa mattina, BlackRock, la multinazionale di investimento con sede a New York dietro gli ETF iShares, ha dichiarato:

La liquidità dei titoli russi ha subito un calo significativo. Pertanto, l’ETF iShares MSCI Russia ha temporaneamente sospeso la creazione di nuove azioni. BlackRock avverte gli investitori che ERUS potrebbe non raggiungere i suoi obiettivi di investimento, riscontrare un aumento del tracking error, premi o sconti significativi rispetto al suo valore patrimoniale netto e/o avere spread bid-ask superiori alla sua media storica.

Anche l’ETF VanEck Russia è crollato di quasi il 50% in meno di una settimana. Le major europee dell’energia, tra cui BP plc, stanno abbandonando gli investimenti in attività russe in risposta alla guerra in Ucraina.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money