Alta inflazione e forza del dollaro: come sono collegati?

Di:
su Mag 17, 2022
  • L'indice del dollaro (DXY) ha superato 105 attestandosi a un massimo di 20 anni.
  • Gli sviluppi geopolitici e i lockdown sanitari probabilmente manterranno l'inflazione alta.
  • In un ambiente aggressivo, il capitale degli investitori gravita verso il dollaro.

I mercati finanziari sono in corso di selloff per un massiccio calo la scorsa settimana, dopo i dati sull’elevata inflazione al consumo negli Stati Uniti all’8,3% per il mese di aprile.

In mezzo al caos, il Senato degli Stati Uniti ha restituito le redini monetarie globali al presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, mettendolo nella posizione poco invidiabile di navigare in correnti stagflazionistiche.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Afflitta da virus diffusi e in continua mutazione negli ultimi due anni, stimoli apparentemente illimitati, tassi di interesse al minimo e il crollo di catene di approvvigionamento ben oliate, l’economia mondiale è finita sottosopra.

Durante i lockdown, le autorità hanno implementato politiche fiscali mirate, programmi in stile UBI e protezioni sui salari nel tentativo di preservare il potere d’acquisto dell’uomo comune.

Evocando il proverbiale atteggiamento aggressivo, Powell ha ammesso che forse i tassi di interesse avrebbero dovuto essere aumentati prima, mentre nel tentativo di ripristinare la stabilità dei prezzi, un atterraggio morbido è sempre più dubbio.

Le affermazioni secondo cui i prezzi al consumo hanno raggiunto il picco potrebbero essere premature. Ancora più cruciale del livello potrebbe essere la persistenza delle pressioni inflazionistiche.

Inflazione persistente e rialzi dei tassi

Il mondo è nel bel mezzo di una partita a scacchi geopolitica, piena di sanzioni, azioni militari e turbolente forniture di energia. L’indice dei prezzi alimentari della FAO ha raggiunto una media di 158,5, in moderazione rispetto al suo massimo storico di 159,3 registrato nel mese scorso. Anche i prezzi dei fertilizzanti sono alle stelle, gravando di conseguenza sugli articoli più essenziali. La tensione è aumentata quando la Russia è arrivata a minacce contro Svezia e Finlandia riguardo le loro intenzioni di aderire alla NATO.

Stime recenti suggeriscono che, a causa dei lockdown a livello nazionale, occorrono circa 100 giorni affinché le merci cinesi raggiungano la destinazione prevista nei mercati sviluppati. Il cauto ottimismo in Cina è quasi svanito con la probabilità che vengano ripristinate gravi restrizioni sanitarie.

Questi fattori hanno naturalmente contribuito a preoccupare i dati la scorsa settimana. L’indicatore principale dei prezzi al consumo negli Stati Uniti, l’indice dei prezzi alla produzione, è aumentato dell’11% rispetto a un anno fa, salendo alle stelle da una contrazione del -1,5% nell’aprile 2021.

In un tale contesto, è improbabile che l’inflazione regredisca rapidamente, rendendo necessario anticipare i rialzi dei tassi.

Tuttavia, la credibilità della Federal Reserve come combattente mondiale dell’inflazione rimane discutibile. La storia suggerisce che l’implosione delle azioni e l’aumento dei pagamenti del debito in un contesto di crescita in calo possono costringere a un ripensamento politico. Con il debito al consumo statunitense che ha registrato l’aumento trimestrale più rapido dal 2007, l’aumento dei tassi potrebbe innescare insolvenze e una profonda recessione.

Sebbene il presidente Powell abbia sottolineato che gli aumenti dei tassi non cesseranno, potrebbero emergere nuove realtà per sfidare la determinazione della Fed.

Il potere incontrastato del dollaro

Anche se quest’anno ogni asset class ha perso considerevolmente valore e gli investitori sono nervosi, i mercati hanno trovato rifugio nel dollaro. In quanto valuta di riserva mondiale, il dollaro è considerato più affidabile di qualsiasi altro strumento finanziario per salvaguardare la partecipazione di un investitore durante le turbolenze del mercato.

Infatti, durante l’incertezza del mercato di quest’anno, il dollaro ha guadagnato valore e viene persino scambiato ai massimi storici. Il DXY è un indice della forza del dollaro rispetto alle altre principali valute.

L’economia statunitense è considerata la più sicura al mondo, dove gli investitori si assumerebbero un rischio minimo.

Si dice che i titoli di stato statunitensi forniscano il tasso privo di rischio, ovvero sono lo strumento finanziario che può fornire un rendimento al rischio più basso possibile (o considerato privo di rischio).

In teoria, gli investitori investono al di fuori degli Stati Uniti quando cercano di ottenere un rendimento più elevato. Allo stesso tempo, accettano che gli altri mercati siano più rischiosi.

Tuttavia, quando il sentiment del mercato è più aggressivo, come ora che si prevede che la Fed aumenti i tassi, gli investitori preferiscono lasciare tali mercati più rischiosi e collocare i propri investimenti negli Stati Uniti con l’obiettivo di ottenere un rendimento più elevato al minor rischio possibile.

Pertanto, i flussi di cassa gravitano verso gli Stati Uniti.

Questo effetto può essere visto nel grafico sottostante. Quando la probabilità di un aumento dei tassi più elevato cresce secondo le indagini di mercato, il DXY o il dollaro si rafforzano.

Fonte: Federal Reserve Bank di Atlanta; Marketwatch

All’inizio di quest’anno, il DXY si attestava a 96,21.

L’aumento del dollaro durante l’anno è anche una risposta alle crescenti incertezze del mercato dovute a lockdown diffusi senza precedenti, alla guerra Ucraina-Russia e ai problemi della catena di approvvigionamento.

Durante la fine di febbraio, il DXY ha visto un forte aumento, con l’invasione dell’Ucraina. Ognuno di questi fattori si traduce in una visione più aggressiva, ovvero l’aspettativa che l’inflazione persista e quindi i tassi dovrebbero essere aumentati.

Oggi, poiché la Fed è più aggressiva che mai, il DXY ha galoppato ai massimi di 20 anni di oltre 105 durante l’ultima settimana.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money