Bitcoin e il Dow si incontrano a metà strada a $30.000

By: Dan Ashmore, CFA
Dan Ashmore, CFA
Dan attualmente vive a Medellin, in Colombia, dove sta cercando disperatamente di imparare abbastanza spagnolo per poter giocare a… leggi di piú.
on Mag 19, 2022
  • Dow Jones e Bitcoin si sono incontrati a metà strada, entrambi in prossimità di $30.000.
  • Entrambi gli asset sono crollati da quando hanno toccato massimi rispettivamente a $37.000 e $69.000.
  • Le azioni USA hanno chiuso ieri la peggior giornata dal giugno 2020, Bitcoin è sceso del 25% in due giorni.

Dopo l’ultimo crollo del mercato azionario di mercoledì, con le azioni in calo di quasi il 4%, il Dow Jones viene scambiato a $31.500. In quello che sarebbe sembrato improbabile non molto tempo fa, l’indice sta ora puntando al livello psicologicamente importante di $30.000.

Curiosamente, Bitcoin sta facendo lo stesso, scambiando a $29.000 dopo un calo del 25% la scorsa settimana. L’implosione della stablecoin da 18 miliardi di dollari di Terra, UST, e del relativo token nativo Luna, che un tempo valeva 42 miliardi di dollari, ha contagiato l’intero mercato crypto. A gravare su Bitcoin è stata la Luna Foundation Guard (LFG) che ha inondato il mercato con ordini di vendita di 80.000 Bitcoin nel futile tentativo di difendere il peg UST. Questi eventi hanno causato il crollo di Bitcoin da quasi $40.000 al livello attuale.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Sentimento

Il sentimento non era così ribassista da molto tempo, poiché apparentemente ogni variabile funziona contro gli investitori. Abbiamo un’inflazione dilagante (vorrei avere un Bitcoin per ogni volta che ho digitato quella frase nell’ultimo mese), una Fed aggressiva e una situazione geopolitica tenue. Vedo che questi vengono descritti come venti macroeconomici contrari, ma per me sembrano più macro uragani. È una brutta situazione.

Quindi, mentre il Dow e il Bitcoin sono entrambi diretti verso $30.000 grazie a questo recente ambiente di riduzione del rischio, il duo ha intrapreso percorsi molto diversi verso questo livello di prezzo. Guardando ai rendimenti appena prima dell’inizio del COVID-19 (gennaio 20, praticamente una vita fa), la differenza di volatilità è netta.

Volatilità

Dow ha raggiunto il picco massimo di $36.000 nel gennaio 2022, mentre Bitcoin, nel novembre 2021, è volato come Icaro fino a $68.700 prima che le sue ali si sciogliessero. Per quantificare la differenza di volatilità in termini numerici (per voi nerd matematici), la deviazione standard dei rendimenti giornalieri per il Dow dal 20 gennaio è stata dell’1,7%, ma quasi tre volte superiore al 4,7% per Bitcoin. Ciò significa che due terzi delle mosse giornaliere sono state inferiori a +/- 1,7% per il Dow, ma inferiori a +/- 4,7% per Bitcoin. Nonostante questo abisso di volatilità, la direzione dei movimenti giornalieri dei prezzi è stata molto correlata, con un coefficiente di correlazione di 0,88 (per chi non lo sapesse, un punteggio di 1 è una correlazione perfetta. Ad esempio, la correlazione tra CPI in aumento e i politici che usano la parola “transitorio” è 1).

Pertanto, una correlazione di 0,88 mostra che sostenere un disaccoppiamento per Bitcoin non ha senso; in questo momento continua a seguire i movimenti del mercato più ampio.

Chi raggiungerà per primo $30.000?

Per raggiungere i 30.000$, il Dow deve scendere del 4,5%, mentre Bitcoin deve salire del 2,4%. Guardando i rendimenti degli ultimi due anni, un calo del 4,5% del Dow si è verificato sette volte. Sei di questi erano nel caotico mese di marzo 2020, quando i mercati stavano cercando di capire cosa significasse esattamente per il mondo questo strano virus chiamato COVID-19. L’unica altra volta che si è verificato un calo così ampio è stato il calo del 6,9% l’11 giugno 2020, quando l’annuncio della Fed che confermava che non ci sarebbero stati più tagli dei tassi cogliendo di sorpresa il mercato.

Bitcoin, d’altra parte, è balzato del 2,4% non meno di 161 volte nello stesso periodo di tempo. Quindi se mi punti una pistola alla testa e mi chiedi quale arriverà prima a $30.000, scelgo Bitcoin senza esitazione. Non solo è un salto minore in termini percentuali, a +2,4% rispetto a -4,5%, ma Bitcoin è di gran lunga l’asset più volatile, come abbiamo detto poco più su.

A meno che…

A meno che, cioè, tu non sia diventato così pessimista sullo stato del mercato che anche un balzo del 2,4% per Bitcoin sembra irrealistico. Mentre scrivo, il Dow ha chiuso in ribasso del 3,6% e faccio fatica a ricordare l’ultima volta che ho visto significativi rialzi, in questo periodo.

Ma in tutta serietà, mentre la scommessa (a breve termine) la piazziamo ovviamente su Bitcoin, indipendentemente da ciò che si pensa del mercato, la premessa stessa di questo articolo evidenzia quanto è stato grande il calo solo dall’inizio dell’anno. Bitcoin veniva scambiato a $46.000 e il Dow a $36.000 all’inizio del 2022, e ora stiamo valutando entrambi al benchmark di $30.000.

Con l’S&P 500 che chiude ieri in ribasso del 4% per il suo giorno peggiore da giugno 2020, speriamo solo di non scrivere questo stesso articolo il mese prossimo, chiedendo chi tra l’S&P e Bitcoin toccherà prima i $3.000. Ehi, forse l’S&P 500 batterà sia Bitcoin che il Dow arrivando a $30.000? Se succede, il primo a prevederlo sono stato io (sto scherzando, tanto per specificare – a quanto pare gli asset possono solo scendere di prezzo, mi sono reso conto di recente)

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, Capital.com
9.3/10