Niente di sorprendente sul crollo di Bitcoin (detto da un rialzista di BTC)

Di:
su Lug 1, 2022
  • Dan Ashmore, bull Bitcoin a lungo termine, ma volatilità e correlazione con mercato azionario sono elevate.
  • Il mercato azionario ha avuto il suo peggior semestre in oltre mezzo secolo.
  • L'ipotesi di un decoupling di Bitcoin era un'isteria da mercato rialzista sfatabile facilmente.

Riprendiamoci per un attimo e analizziamo gli eventi ribassisti che si stanno verificando sul mercato in questo momento:

  • L’inflazione sta esplodendo a tal punto che i fuochi d’artificio del 4 luglio impallidiranno al confronto;
  • Nello stesso momento in cui l’inflazione sta esplodendo, la Fed aumenta i tassi (e poi fa marcia indietro… e poi riconferma l’aumento);
  • C’è una guerra in corso in Europa;
  • L’occupazione in Germania, la migliore economia d’Europa, è salita al 5,3%, secondo il rapporto di stamattina.

Quindi, sì… il clima macro è infelice in questo momento. Tutto questo si è combinato per formare la peggiore metà di un anno nel mercato azionario in oltre mezzo secolo.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

In questo contesto, quindi, non sorprende che Bitcoin abbia fatto così tanta fatica. Se a Capodanno qualcuno vi avesse detto che il Nasdaq sarebbe sceso del 29% a metà del 2022, senza sapere altro, che cosa avreste previsto per Bitcoin?

La risposta, mentre scrivo, è un calo del 59%. Per quanto riguarda lo stesso Bitcoin, non sono sicuro che questo ci abbia detto qualcosa che non sapevamo già. Certo, ha dimostrato che i megabull si sbagliavano con tutti i loro discorsi su supercicli e coperture dell’inflazione e qualsiasi altro hopium che diffondevano nelle camere d’eco online.

Volatilità

La realtà a volte è semplice e non ha bisogno di essere complicata. Tira fuori i numeri più semplici di tutti e chiediti, cosa significa? Consideriamo quanto segue:

Bitcoin è stato storicamente un asset ad alta volatilità. Ho tracciato la deviazione standard dei rendimenti giornalieri per ciascuno dei quattro anni precedenti al 2022 e li ho confrontati con la stessa metrica, ma per i rendimenti giornalieri del Nasdaq.

Il risultato qui sopra mostra che la volatilità di Bitcoin è stata sostanzialmente superiore a quella del Nasdaq ogni anno, quindi perché ci si aspettava che il 2022 sarebbe stato diverso? Anche se il prezzo di Bitcoin è salito e l’adozione è aumentata nel corso del 2021, i discorsi sul decoupling erano prematuri, dato che anche il Nasdaq si stava dirigendo verso l’alto. In effetti, tutti gli asset di rischio si stavano comportando allo stesso modo, mentre la Fed teneva accesa la stampante del denaro e il boom del COVID faceva schizzare gli asset verso l’alto.

Bitcoin può essere una copertura contro l’inflazione?

Per essere chiari, sono un grande sostenitore di Bitcoin e sono molto rialzista sulle sue prospettive a lungo termine. Tuttavia, chiunque lo abbia dichiarato disaccoppiato da altre attività di rischio negli ultimi due anni è stato semplicemente fuori luogo.

Finora Bitcoin è salito e sceso in linea con il resto del mercato. I movimenti sono stati più esplosivi – la sua volatilità è ineguagliabile e quindi vive più lontano sulla curva rischio/rendimento rispetto al mercato azionario – ma la direzione dei movimenti e la correlazione sono sempre state elevate.

Credo che questo cambierà e Bitcoin ha tutte le proprietà per essere una copertura dall’inflazione o agire come una riserva di valore simile all’oro digitale. Ma non credo che il tempo sia presto, e come per chiunque affermi che è già successo, i conti semplicemente non tornano.

Per rafforzare ulteriormente questo punto, sempre utilizzando semplici principi matematici, ho tracciato i rendimenti giornalieri del Nasdaq rispetto a Bitcoin per ogni anno.

 

 

 

Per quanto riguarda le deviazioni standard appena descritte (per coloro che non amano le statistiche), la figura seguente mostra i limiti inferiori e superiori in cui ricadono il 68% e il 95% dei rendimenti giornalieri sia del Nasdaq che del Bitcoin.

Come si può notare, negli anni precedenti c’è ben poco che faccia pensare che il 2022 sia o sarà diverso per quanto riguarda la volatilità di Bitcoin che supera di gran lunga quella del mercato azionario (inoltre, questo confronto si concentra sul Nasdaq, dominato dal settore tecnologico, piuttosto che sull’S&P 500, per cui si potrebbe sostenere che si stia addirittura sottovalutando l’abisso tra Bitcoin e il mercato azionario per quanto riguarda la volatilità).

Conclusione

Per concludere, le chiacchiere di mercato che suggeriscono che si è verificato un disaccoppiamento tra Bitcoin e il mercato (che si tratti di una copertura dall’inflazione o altro) è stato fuorviante e probabilmente un sottoprodotto dell’isteria del mercato rialzista.

Di volta in volta, vediamo le emozioni umane elaborare narrazioni o analisi complicate per spiegare schemi ripetuti o adattarsi alle loro nozioni preconcette. Questo è ciò che rende così esasperante l’investimento. Fare soldi è difficile, gente.

Siamo nel mezzo di un massiccio ritiro del mercato, con nazioni sull’orlo della recessione (se non già dentro) e il sentiment è terribile. In questo contesto, Bitcoin sarebbe sempre andato in una direzione e l’entità della mossa avrebbe inevitabilmente soppiantato quella del mercato azionario.

Per concludere, voglio ribadire la mia convinzione che Bitcoin manterrà la sua promessa di essere una forma di denaro digitale con un tetto rigido, a cui l’umanità non ha mai avuto accesso prima d’ora. Credo che le sue prospettive a lungo termine non siano cambiate. Ma al momento la strada da percorrere è ancora lunga, il che significa che chiunque investa in Bitcoin su un orizzonte temporale breve dovrà accettare il fatto che la volatilità può rendere tale scommessa pessima (o ottima, se vogliamo essere sinceri) in un batter d’occhio. Rimanete al sicuro.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money