Come i clienti americani sono stati salvati dal macello di FTX

Di:
su Nov 10, 2022
Listen to this article
  • FTX è insolvente con un buco in bilancio, secondo quanto riferito, di 8 miliardi di dollari
  • I clienti americani non sono interessati poiché FTX US continua a elaborare i prelievi
  • I clienti americani sono stati salvati da severi regolatori?

Dopo un periodo di silenzio stampa che è sembrato un’eternità – dopotutto, un giorno per le criptovalute corrisponde a un anno – l’uomo più famoso del settore si è fatto vivo giovedì pomeriggio, durante il crollo di FTX (trovi l’analisi approfondita di ieri qui).

Sam Bankman-Fried (SBF) ha pubblicato un thread di 21 tweet che inizia con un importantissimo, (ma così privo di significato): “Mi dispiace”. Dai, è più di quanto gli investitori Celsius abbiano ottenuto da Alex Mashinsky dopo che la sua azienda è crollata a zero (trovi un’analisi approfondita su questo qui), con i clienti che hanno perso tutto (o quasi tutto, a seconda di come si svolgerà il processo giudiziario pluriennale).

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Un aspetto trascurato in tutto questo? Presumibilmente SBF sta scrivendo dalle Bahamas, non dagli Stati Uniti dove è nato. FTX ha sede nell’isola caraibica, FTX US è un’entità separata. E FTX US sta procedendo bene.

La regolamentazione statunitense ha salvato i consumatori americani?

I regolatori passano un momento difficile con le criptovalute. Dopotutto, uno dei pilastri delle criptovalute è il decentramento. Bitcoin è nato da ideali libertari, generati dai cypherpunk, un gruppo di persone su Internet che utilizzano la crittografia per migliorare la privacy e l’auto-sovranità.

La regolamentazione ha anche fatto risparmiare molti soldi ai clienti americani in questo caso. SBF è un ragazzo californiano che è andato a Stanford. Ma ha costruito il suo exchange di criptovalute a Hong Kong, prima di trasferirsi alle Bahamas. Come mai?

Per approfittare di una regolamentazione lassista, ovviamente. La relazione intrecciata tra la società commerciale Alameda e la borsa FTX è stata costantemente oggetto di esame. Ma Sam ha sempre insistito sul fatto che andava tutto bene.

Vedi, questa è la parte fondamentale. Un exchange di criptovaluta è proprio questo: un exchange. I clienti depositano denaro per acquistare criptovalute e la criptovaluta dovrebbe rimanere lì fino a quando il cliente non la ritira. Le borse non sono banche a riserva frazionaria, che prestano gli asset dei clienti per guadagnare un ritorno.

Quindi, una corsa in banca non dovrebbe innescare una “crisi di liquidità”, come descritto da SBF. Tutte gli asset dovrebbero essere lì. E – forse il suo crimine più eclatante – SBF ha insistito che questo fosse il caso in un tweet lunedì. Vorrei collegare il tweet qui, ma SBF lo ha eliminato definitivamente il giorno successivo, quindi dovrete accontentarvi dello screenshot qui sotto. Eh già.

Che fine hanno fatto i soldi?

Quindi, come si è comportato FTX con un buco di 8 miliardi di dollari? Bene, si torna sotto l’ala di Alameda. Ha subito ingenti perdite in mezzo al contagio post-Terra (trovi un’analisi approfondita di quel crollo qui). Per sostenerlo, sembra che SBF abbia inviato prestiti alla società da FTX. In cambio di questi prestiti, FTT è stata accettata come garanzia.

Sai, lo stesso FTT che è stato creato da SBF e offre un’utilità minima al di fuori di FTX. Non solo, ma il token è incredibilmente illiquido. E anche se al momento non è chiaro, sembra che parte dei fondi inviati ad Alameda – garantiti da questo token FTT – fossero asset dei clienti.

Quindi un rapporto di CoinDesk ha rivelato che il bilancio di Alameda era pieno di FTT, più di quanto fosse la capitalizzazione di mercato della moneta (ricorda, FTT è stato creato da SBF e offriva un’utilità minima al di fuori di FTX). Il gatto era fuori dalla borsa. Il CEO di Binance Zhao (CZ) ha visto questo gatto e ha deciso di abbandonare le partecipazioni di Binance, per un valore di almeno 580 miliardi di dollari.

Per Alameda e FTX, dato che l’intero ecosistema era sostenuto da questo token FTT, questo è stato fatale. E così è arrivata l’offerta dell’amministratore delegato di Alameda, Caroline Ellison, di acquistare l’intero exchange per 22$ a token.

CZ non ha accettato questa offerta. Quando le è stato chiesto perché fosse abbastanza preoccupata da offrire di acquistare l’allocazione a 22$ per token in una transazione OTC, SBF ha detto quanto segue.

Non è passato molto tempo perché le porte dell’inferno si spalancassero. Le vendite sono aumentate e, essendo un token così illiquido, il prezzo di FTT è crollato. Ciò ha ridotto la garanzia FTT detenuta da FTX a senza valore e ha creato una discrepanza tra le attività e le passività di FTX. In altre parole, i fondi dei clienti non potevano essere abbinati. Game, set, match.

E così, i prelievi sono cessati e sono iniziati i dibattiti sulla nuova emergenza per i salvataggi, che alla fine sono falliti.

Il regolamento salva gli americani

E sì, questo è tutto dalle Bahamas. La rigida posizione normativa degli Stati Uniti ha spinto SBF nei Caraibi, costringendolo a creare una filiale più conservatrice, FTX US, negli Stati Uniti. Lo stesso FTX US che è completamente liquido, elabora tutti i prelievi e non è coinvolto in nulla di tutto ciò.

Binance, che ha quasi preso il controllo di FTX durante i colloqui sulla crisi, ha anche una filiale separata negli Stati Uniti per motivi normativi. La società era persino sotto inchiesta per riciclaggio di denaro nel 2021. Lo stesso SBF è oggetto di un’indagine in corso da parte della SEC per verificare se le offerte di FTX US valgano come titoli, sebbene ciò appaia ridondante nel contesto degli eventi degli ultimi giorni.

Come qualcuno che è stato piuttosto critico in passato sulla velocità con cui le autorità di regolamentazione si sono mosse, questo deve essere notato.

Come gli arbitri di una partita di calcio, le persone raramente si fermano a ringraziare i regolatori. Ma ci sono molti clienti americani in giro oggi che gli devono un favore.

Investi in criptovalute, titoli, ETF & altro in pochi minuti con il tuo broker preferito, eToro

10/10
67% of retail CFD accounts lose money