Lettera aperta alle criptovalute: cosa c'è di sbagliato in questo settore? Binance raggruppa i fondi dei clienti con garanzie

Di:
su Jan 26, 2023
Listen to this article
  • Binance ha "erroneamente" messo in comune le garanzie per alcune criptovalute con i fondi dei clienti
  • L'incidente è l'ennesimo promemoria della mancanza di trasparenza nelle criptovalute e dell'assenza di audit
  • L'ironia della criptovaluta è che bisogna fidarsi ciecamente di istituzioni poco trasparenti, scrive Ashmore

Esasperazione. Ironia. Apatia. La storia di questa settimana su Binance e la sua cattiva gestione delle riserve suscita emozioni contrastanti.

Se te lo sei perso, Bloomberg ha riferito che Binance ha “erroneamente” raccolto garanzie per alcune delle criptovalute che emette con i fondi dei clienti, con il rapporto che cita un portavoce di Binance non identificato.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La storia è questa: Binance ha emesso B-Token, con riserve per circa la metà di questi asset immagazzinati in un cold wallet. Bene – ha senso. L’unico problema è che il cold wallet contiene più fondi di quelli necessari per sostenere i B-Token. Dato che le risorse dovrebbero essere garantite 1:1, questo non dovrebbe accadere. È un problema che significa che la garanzia viene mischiata ai token dei clienti, ha riferito Bloomberg.

“Gli asset collaterali sono stati precedentemente spostati in questo wallet per errore e citate di conseguenza nella pagina B-Token Proof of Collateral”, ha detto il portavoce a Bloomberg. Ops.

“Binance è a conoscenza di questo errore ed è in procinto di trasferire questi asset a portafogli collaterali dedicati”, ha aggiunto il portavoce.

PTSD per gli investitori in criptovalute

Ciò che rende tutta questa faccenda così delicata – e deludente – è ciò che è accaduto a livello di settore negli ultimi mesi. FTX è crollato a novembre in seguito alle rivelazioni secondo cui il fondatore Sam Bankman-Fried aveva mischiato gli asset dei clienti con la sua società commerciale Alameda Research, prima di subire pesanti perdite e alla fine lasciare un buco di 8 miliardi di dollari nel bilancio dove avrebbero dovuto essere i fondi dei clienti.

Bankman-Fried è stato arrestato, estradato negli Stati Uniti ed è attualmente agli arresti domiciliari in California.

Ciò ha scatenato una spinta in tutto il settore affinché gli exchange pubblicassero la proof or reserve e diventassero completamente controllati. Il problema, tuttavia, era che i report non chiarivano nulla. Mazars, la società di contabilità assunta per supervisionare il rapporto di Binance, ha interrotto bruscamente i rapporti con tutte le società di criptovalute dopo che la debacle ha suscitato pesanti critiche.

Sono stato invitato da CNBC all’inizio di questo mese e ho denunciato come questi report fossero lontani dagli “audit” che affermavano di essere, lamentandomi del fatto che questi exchange rimanessero incredibilmente poco trasparenti. Da allora non è cambiato nulla (inizia alle 5:37).

La mancanza di trasparenza continua per le criptovalute

Questa storia, che rivela che Binance ha erroneamente messo in comune i suoi asset con quelli dei clienti, è un ulteriore promemoria di quanto siano vulnerabili i clienti a questi grandi exchange. Per essere chiari, non ci sono prove che Binance stia facendo qualcosa di losco, ma il bello è che non c’è nemmeno modo di verificare che non lo stia facendo, perché le informazioni non sono pubbliche.

Non sappiamo nulla delle passività di Binance. Non sappiamo nulla se utilizzi il proprio token, BNB, come collaterale. Non sappiamo nulla di molto di ciò che accade oltre le quinte. Siamo costretti a fidarci del CEO Changpeng Zhao.

Ancora una volta, questo non vuol dire che ci sia qualcosa che dimostri che non dovremmo fidarci di Zhao. Sono un suo grande fan e ho scritto favorevolmente di lui in passato. È stato un leader fantastico per Binance e una straordinaria personalità per le criptovalute.

Il mio problema è che l’industria delle criptovalute non dovrebbe trovarsi nella posizione di dover fidarsi ciecamente di un individuo o di un’azienda. CZ dice che per confermare che Binance non deve soldi a nessuno, dovremmo semplicemente “chiedere in giro”. Beh, CZ, sto chiedendo in giro.

Siamo tornati al 2008

Che fine hanno fatto quei discorsi sul fatto che delle criptovalute non ci fosse da fidarsi? “Non fidarti, verifica” è diventato una sorta di biglietto da visita. Dimmi: come puoi verificare che Binance invece è valido? Come si verifica che una di queste aziende lo sia? Non puoi. È il classico caso in cui ti direbbero: “Abbi fede“.

Ricordate, Bankman-Fried ha notoriamente twittato che “FTX ha abbastanza per coprire tutte le partecipazioni dei clienti” e che “non investiamo i beni dei clienti (nemmeno in titoli del tesoro)”. Ha anche twittato che “FTX va bene. I beni vanno bene”. Due giorni dopo, ha cancellato i tweet e FTX ha dichiarato bancarotta più tardi quella settimana.

Bankman-Fried è ben lungi dall’essere l’unico fondatore a supplicare il mondo di ignorare gli stupidi “FUD” sui problemi di insolvenza, che Bob Marley aveva ragione quando cantava che “every little thing is gonna be all right”. FUD presumibilmente sta per “paura, ansia e dubbio”, ma in realtà è spesso usato dai difensori delle criptovalute per descrivere domande estremamente ragionevoli per le quali le risposte non sono disponibili nel pubblico dominio.

Anche Alex Mashinsky, l’ex CEO del prestatore di criptovalute Celsius, ha avuto la gemma di seguito di un tweet lo scorso maggio. La sua azienda ha sospeso i prelievi poche settimane dopo, dichiarando successivamente bancarotta con 4,7 miliardi di dollari dovuti ai clienti. Il caso continua a muoversi attraverso i tribunali.

Ce ne sono molti altri, ma perché continuare?

L’ironia in tutto questo è che l’industria delle criptovalute è cresciuta così tanto a causa del disgusto per le istituzioni sorto dalla Grande Crisi Finanziaria del 2008. Le criptovalute dovevano essere un nuovo sistema finanziario, il modo delle persone di costruire oltre i punti di stress del sistema consolidato che è crollato nel 2008.

Eppure eccoci qui, dipendendo ciecamente ai tweet del CEO su Twitter che dice che va tutto bene. Il fatto che l’industria delle criptovalute stia di nuovo cavalcando questa giostra, poiché Binance e tutte queste altre società centralizzate si rifiutano di fare la cosa semplice e si limitano a pubblicizzare le loro partecipazioni, è estenuante.

Gli asset detenuti con l’exchange “sono stati e continuano ad essere supportati 1:1”, ha aggiunto il portavoce di Binance.

Spero abbia ragione. Ma questo è tutto ciò che puoi fare in questo momento: sperare . Forse “Non fidarti, verifica” dovrebbe essere modificato in ” Non fidarti, spera solo ciecamente che vada tutto per il meglio”.