Esaminiamo la logica sconcertante dietro le politiche della banca centrale del Canada

Di:
su Jan 30, 2023
Listen
  • I titolari di mutui e debiti pagano di più per onorare i loro obblighi finanziari.
  • Questo sembra un concetto strano in quanto un'economia in forte espansione va tenuta sotto controllo.
  • L'analista di Invezz Dan Ashmore dà un senso alle sconcertanti decisioni della banca centrale.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google News per restare aggiornato >

La banca centrale canadese ha aumentato ancora una volta i tassi di interesse con l’obiettivo di mantenere l’inflazione vicino al suo obiettivo del 2%. Per raggiungere questo obiettivo, la banca centrale apporta dei cambiamenti alla sua politica monetaria.

Questo scenario si è ripetuto innumerevoli volte in tutto il mondo. Molte persone, in particolare i titolari di mutui e coloro che portano debiti, hanno sempre trovato sconcertante il concetto di aumenti dei tassi.

Un’economia calda, secondo i banchieri centrali, può essere problematica. Ecco cosa dicono citando le loro testuali parole:

Ma se l’economia sta crescendo troppo velocemente, potrebbe portare a un aumento dell’inflazione. Quindi, potremmo aumentare il tasso ufficiale, il che significa: le persone e le imprese pagano interessi più elevati su prestiti e mutui.

Un’economia in forte espansione è… una brutta cosa?

Se l’economia sta accelerando troppo velocemente, le banche centrali lo considerano un risultato negativo in quanto può portare a livelli elevati di inflazione. Per combattere l’inflazione, la banca centrale alzerà i tassi di interesse costringendo le persone e le imprese a pagare tassi di interesse più elevati sui loro prestiti e mutui.

Quando l’economia è calda, le imprese si espandono e più persone guadagnano uno stipendio più alto, la banca centrale deve agire per punire questo tipo di attività. Mi dispiace che le famiglie della classe media se la cavino a malapena, ora dovranno pagare più interessi sui loro debiti – per un bene superiore, a quanto pare.

Un proprietario di casa abbastanza fortunato da assicurarsi un mutuo quinquennale a tasso variabile allo 0,9% su una casa di circa 700.000$ sta ora pagando 1.317$ in più al mese (fonte). Considera questo come il loro ruolo nel rallentare un’economia in forte espansione… che probabilmente li ha aiutati a permettersi una casa in primo luogo.

Il mondo al contrario: le persone risparmiano di più quando le tariffe sono più alte

La Bank of Canada osserva che quando i tassi sono più alti, le persone “tendono a risparmiare di più e a spendere di meno”. Ma questo è strano detto dalla stessa entità che ora sta costringendo le famiglie a spendere centinaia di dollari in più per il loro mutuo, supponendo che siano abbastanza fortunate da aver trovato una casa a un prezzo ragionevole in primo luogo.

Come puoi vedere nel mio precedente articolo di analisi su Invezz, una famiglia media che guadagna un reddito medio ora paga 800$ in più al mese per le rate del mutuo rispetto all’era pre-COVID (ricordi quei bei vecchi tempi?). Sì, buona fortuna con l’intero concetto di risparmiare di più. Ottimo consiglio, il Governatore della Bank of Canada, Tiff Macklem.

Anche quelli all’estremità più alta dello spettro economico stanno lottando per risparmiare più soldi in questo ambiente. Per Bloomberg, un terzo degli americani che porta a casa un bel quarto di milione di dollari all’anno vive alla giornata.

‘Nessuna soluzione facile’

L’analista di Invezz Dan Ashmore mi dice che non esiste “una soluzione facile” e le banche centrali, incluso il Canada, devono stare attente a non alzare i tassi fino al punto in cui si innesca una recessione. Egli osserva:

Poiché negli ultimi due mesi abbiamo assistito all’indebolimento dell’inflazione in tutto il mondo, il mercato sta ora iniziando a rivolgere la sua attenzione verso una potenziale recessione incombente come principale timore. I proprietari di mutui sono solo un sottoinsieme delle persone che sentiranno il colpo: il prezzo che deve essere pagato per tenere sotto controllo l’inflazione

Abbastanza ironicamente, dovrei notare che l’aumento dei tassi ipotecari è ora il maggior contributore all’inflazione in Canada.

Tuttavia, è importante tenere presente che i proprietari di case che affrontano costi più elevati hanno visto aumentare il valore del loro bene nel corso degli anni. Cioè se hanno acquistato la loro proprietà diversi anni fa poiché i prezzi delle case sono scesi rispetto ai livelli del 2022. Dan aggiunge:

Gli affittuari vedono l’aumento del prezzo e non ricevono nulla in cambio. E le persone a basso reddito pagano una parte più alta del loro stipendio in cibo e beni di prima necessità, anch’essi in aumento, in alcuni casi a tassi allarmanti. Non avevano beni per godersi l’inflazione che ha spinto verso l’alto tutti i beni negli ultimi due anni.

Ad

Investi in criptovalute, titoli, ETF & altro in pochi minuti con il tuo broker preferito, eToro

10/10