Ad

VIDEO: Che succede a Tether in questo mondo post-BUSD? Il CTO di Tether Paolo Ardoino si unisce al podcast

Di:
su Mar 2, 2023
Listen
  • Il CTO di Tether si unisce al podcast Invezz per parlare di Tether, stablecoin e crypto con l'host Dan Ashmore
  • Discute di Tether che sta liquidando il suo portafoglio commercial paper
  • Parla del dominio del dollaro, del mondo in via di sviluppo, dei progressi di Tether a Lugano e altro ancora

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Sono cambiate molte cose da quando ho ospitato il CTO di Tether Paolo Ardoino sul podcast di Invezz lo scorso ottobre.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Solo un paio di settimane dopo che abbiamo parlato, FTX è crollato in uno sviluppo che pochi hanno visto arrivare. Nel giro di un paio di giorni, 3,5 miliardi di dollari di Tether sono stati riscattati come parte di un crollo più ampio nei mercati delle criptovalute. Ma per Tether, tutto è andato liscio.

Questa settimana, Ardoino si è nuovamente unito al podcast per parlare di come le cose sono cambiate da allora, oltre a una varietà di altri argomenti nello spazio sempre dinamico delle stablecoin.

Abbiamo iniziato parlando di Lugano, una graziosa cittadina in Svizzera che è da un anno nel Plan B, un’iniziativa che ha visto Tether collaborare con la città per promuovere l’adozione della blockchain.

Paolo ha sottolineato le differenze tra Lugano ed El Salvador, dove Bitcoin ha corso legale completo ma, come ho scritto durante la mia visita l’anno scorso, ha avuto qualche difficoltà sul fronte dell’istruzione.

Lugano è un’iniziativa più piccola, ha spiegato Paolo, il che significa che può essere sviluppata e promossa più facilmente. Ho quindi chiesto quanto fosse facile convincere i commercianti ad adottare Bitcoin e Tether come mezzo di pagamento, un’altra area in cui El Salvador ha lottato.

Ma questo si è ramificato in un argomento più ampio sui paesi in via di sviluppo e Bitcoin, nonché sulla forza del dollaro USA. Da europeo, Paolo è ben consapevole del predominio del dollaro statunitense.

Per alcune nazioni in via di sviluppo, il dollaro rappresenta una via di fuga e la discussione sul ruolo di Tether nell’offrire l’accesso al dollaro è stata affascinante. Lascio a voi unire i punti, ma diciamo solo che sono stati menzionati Argentina, Libano, Venezuela e Turchia.

A parte la discussione più ampia su Bitcoin e il mondo in via di sviluppo, abbiamo anche toccato la controversia sulle riserve di Tether, una storia che ha evidentemente frustrato Paolo.

Ha parlato di come Tether ha liquidato il suo intero portafoglio commercial paper in nove mesi, l’incredibile cifra di 30 miliardi di dollari. È una somma enorme, e abbiamo anche parlato dei miliardi di richieste di riscatto all’indomani degli scandali delle criptovalute dell’anno scorso (qualcosa con cui le banche di riserva frazionaria avrebbero senza dubbio lottato).

Paolo ha discusso la reazione della comunità e la decisione di ridurre l’esposizione della carta commerciale a favore dei Buoni del Tesoro. Gli ho chiesto se questa allocazione di Buoni del Tesoro (58% rispetto ai numeri più recenti, anche se da allora potrebbe essere cambiata) diminuirà se/quando i tassi torneranno a scendere. La risposta di Paolo è stata eloquente: sono una “squadra snella” che ha rivelato un profitto di 700 milioni di dollari nel quarto trimestre mentre il resto del mondo delle criptovalute stava riverberando dal crollo FTX, e quindi non hanno esattamente bisogno dei forti rendimenti offerti in questo momento.

Paolo ha anche parlato di critiche rivolte a lui e a Tether rispetto ad amministratori delegati “entusiasmanti” o “più cool” come quelli che hanno guidato aziende come FTX, Celsius, Voyager Digital, solo per citarne alcuni. Ovviamente nessuno di questi amministratori delegati è ancora in circolazione, un punto che Paolo si è assicurato di sottolineare.

Abbiamo anche toccato la regolamentazione e il fatto che la regolamentazione statunitense è diventata dura di recente. Ho chiesto a Paolo cosa significasse tutto questo per Tether, che ha sede fuori dagli Stati Uniti. I suoi pensieri erano interessanti, poiché recentemente ha superato una quota di mercato del 50% per la prima volta dal 2021, soprattutto come collega europeo!

Questo è un assaggio di ciò che abbiamo toccato, ma abbiamo rimbalzato su un sacco di argomenti. È un momento molto interessante nel mercato delle stablecoin e nel settore delle criptovalute nel suo insieme, quindi è stata una chiacchierata divertente.

Continua la conversazione su Twitter con @InvezzPortal, @DanniiAshmore e @Tether_to . Oppure visita www.tether.to per ulteriori informazioni.

Grazie per l’ascolto, seguici e iscriviti qui:

Ad

Cerchi dei segnali di trading per criptovalute, forex e titoli facili da seguire? Semplifica il processo di trading copiando i trader professionisti del nostro team. Risultati consistenti. Registrati oggi su Invezz Signals™.

0/10
Learn more
Bitcoin Tether Blockchain Crypto Video