Prospettive di oro e argento mentre 23 stati si muovono per reclamare i metalli preziosi come moneta a corso legale

Di:
su Apr 11, 2023
Listen
  • Un numero crescente di stati degli Stati Uniti sta introducendo banconote per riconoscere l'oro e l'argento come denaro.
  • Queste azioni sono una risposta all'elevata inflazione e all'aumento delle alternative al dollaro all'estero.
  • Se queste fatture dovessero passare, potrebbero generare una domanda significativa di metalli preziosi fisici.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

In qualità di valuta di riserva internazionale per quasi un secolo, la fiducia globale nel dollaro USA è stata praticamente illimitata.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

In qualsiasi momento, in quasi tutti i paesi, il suo ruolo di valuta rifugio per eccellenza e standard di valore economico universalmente accettato è stato fuori discussione.

Come il dollaro è diventato quello che li domina tutti

Copy link to section

All’inizio del ventesimo secolo, quando il dollaro si stava affermando, fu benedetto da una concorrenza valutaria limitata.

La sterlina dell’Impero britannico aveva fatto il suo corso e durante la Grande Guerra le principali potenze europee si rasero al suolo le reciproche risorse economiche.

Gli Stati Uniti, d’altra parte, avevano molto da offrire.

Ha assunto il ruolo di hub di esportazione globale con un’infrastruttura di produzione all’avanguardia; i massicci afflussi di oro fisico che ha ricevuto hanno conferito alla Federal Reserve il rispetto globale; l’Internal Revenue Service (IRS) recentemente federalizzato ha avuto accesso a un profondo pozzo di contribuenti mantenendo una solida domanda di dollari; e la profondità senza pari dei suoi mercati obbligazionari ha catapultato il biglietto verde a nuovi livelli.

Negli ultimi decenni, è venuto alla ribalta anche un elemento molto più oscuro.

David Graeber, antropologo e noto autore, ha scritto nel suo ‘Debt – The first 5,000 years’,

Spostamenti globali

Copy link to section

Nonostante i numerosi punti di forza del dollaro, nessuna valuta fiat ha mai veramente superato la prova del tempo.

Senza eccezioni, le valute fiat di riserva sono arrivate, conquistate e poi spostate.

Inevitabilmente, la convenienza politica ha la meglio sulla gestione economica, determinando il declino dello status di valuta di riserva.

Più comunemente, un’emissione eccessiva porta a una svalutazione accelerata e gonfia il valore economico.

I meccanismi disciplinari che hanno mantenuto la forza del dollaro sono stati ignorati quando è stato separato dall’argento e dall’oro rispettivamente nel 1964 e nel 1971.

Eppure, per oltre 50 anni, un biglietto verde completamente fluttuante ha dominato i mercati globali.

Tuttavia, questo potrebbe ora cambiare.

Nel decennio successivo alla GFC, i tassi di interesse hanno toccato il fondo e la stampa di denaro ha raggiunto livelli da far venire l’acquolina in bocca.

Questa situazione è stata aggravata durante la pandemia globale.

L’attività economica si è arrestata, mentre lo stimolo monetario apparentemente illimitato è stato accompagnato da politiche fiscali mirate e protezioni sui salari, che hanno alimentato i massimi di quattro decadi dell’inflazione.

A peggiorare le cose, l’armamento del dollaro attraverso SWIFT e l’imposizione di risme di sanzioni, hanno costretto molti dei suoi maggiori consumatori a cercare disperatamente vie di scambio alternative.

A livello globale, la de-dollarizzazione ha certamente acquisito uno slancio significativo.

I paesi che guidano questi sforzi rappresentano una quota crescente del PIL globale, detengono considerevoli riserve di materie prime, sono uniti nel loro desiderio di eludere il dollaro e proteggersi dagli shock della politica della Fed.

Il commercio Cina-Brasile si è allontanato dal dollaro; L’Arabia Saudita si è offerta di commerciare petrolio in valute alternative; e gli acquisti accelerati di lingotti da parte della banca centrale stanno aprendo la strada a un ruolo meno significativo per il biglietto verde.

Inoltre, il vertice BRICS di agosto dovrebbe dare vita a un meccanismo di pagamento non in dollari e non SWIFT che, in caso di successo, potrebbe svolgere un ruolo chiave nel panorama monetario del ventunesimo secolo.

Ciascuno di questi paesi è preoccupato dalla prospettiva di sanzioni contro se stesso o contro partner chiave, l’inflazione infuriata e la profonda erosione delle obbligazioni statunitensi.

Il significato dei metalli preziosi

Copy link to section

L’oro e l’argento sono stati essi stessi denaro per migliaia di anni e sono le forme di denaro più durevoli.

Inoltre, non risentono del rischio di controparte, garantendo che il loro valore sia relativamente immune dai rischi dei mercati finanziari globali.

Nel tentativo di liberarsi dalla dipendenza dal dollaro, le banche centrali hanno continuato ad acquistare oro fisico o rimpatriare il metallo giallo dai caveau esteri a un ritmo record.

Mike Maloney, investitore di metalli preziosi e noto autore, ha affermato nella sua eccellente serie, Hidden Secrets of Money,

Essendo una copertura contro l’inflazione, i metalli preziosi proteggono da eccessi come spese sfrenate da parte delle autorità statali e deficit eccessivi.

I guai in casa

Copy link to section

Mentre l’influenza del dollaro sembra essere in declino all’estero, in quasi la metà degli stati degli Stati Uniti sono state introdotte diverse banconote per proteggersi dalla potenziale implosione del biglietto verde.

In una conversazione con l’investitore di metalli preziosi fisici, Ronald Branstetter sul suo canale YouTube Ron’s Basement, Pat Holland della Missouri Freedom Initiative, un’organizzazione di base, ha notato che i governi statali hanno tre preoccupazioni chiave a questo proposito.

In primo luogo, l’inflazione continua a devastare i bilanci delle famiglie e minaccia l’accesso a beni di prima necessità come carburante e cibo.

In secondo luogo, a luglio di quest’anno, il governo degli Stati Uniti dovrebbe lanciare la sua Central Bank Digital Currency (CBDC).

Data la natura programmabile di questo strumento, Robert E. Wright, Senior Research Fellow presso l’American Institute for Economic Research, mette in guardia contro un’eccessiva centralizzazione del controllo sulle decisioni di acquisto dei comuni cittadini.

Wright aggiunge che i CBDC potrebbero non essere considerati denaro ai sensi della Costituzione.

In terzo luogo, con il sanguinamento delle obbligazioni negli ultimi due anni, un numero crescente di stati ha trovato i propri fondi pensione in gravi difficoltà.

Sebbene i rendimenti obbligazionari siano diminuiti dopo la crisi della SVB, al momento della stesura, i rendimenti a 10 anni sono aumentati di 64,81 punti base negli ultimi 12 mesi e circa il 2,7% in più da aprile 2020.

In questo contesto, gli stati sono costretti a liquidare importi sempre maggiori delle loro partecipazioni per coprire gli obblighi, mentre le passività continuano a crescere a un ritmo allarmante.

Di conseguenza, i fondi pensione registrano perdite sostanziali di capitale, un calo del reddito derivante dalla vendita di obbligazioni, maggiori rischi di credito e maggiori possibilità di intervento normativo.

Nel 2022, secondo Equable, un’organizzazione dedicata alla sicurezza pensionistica, solo 7 stati e Washington DC avevano un rapporto di finanziamento di 1,0 o superiore per i loro regimi pensionistici pubblici.

Fonte: Equable (2022)

Per di più, l’improvvisa fragilità delle banche e il rischio di un’escalation sistemica stanno spingendo una maggiore urgenza tra gli stati a coprire la loro esposizione al dollaro.

Più preoccupante, con il rallentamento della domanda di dollari a livello globale e se i BRICS+ avranno successo nel loro tentativo, è probabile che la valuta in eccesso che circolava all’estero ritorni negli Stati Uniti.

I lettori interessati possono accedere agli articoli ai collegamenti evidenziati che discutono le opinioni di noti analisti come Peter Schiff e Andy Schectman che si aspettano che l’afflusso di un tale volume di valuta possa innescare una ripresa dell’inflazione.

Cosa stanno facendo gli Stati per proteggersi?

Copy link to section

Con l’allarmante aumento del rischio del debito denominato in dollari e il potenziale ritorno di un’inflazione molto più elevata, i singoli stati stanno ora adottando misure per proteggersi da un futuro caratterizzato da un dollaro in calo.

La verità è che le valute fiat dipendono dalla credibilità dell’emittente e la loro robustezza è una funzione del luogo e del tempo.

Una volta che questa inevitabilità di credibilità inizia a diminuire, la valuta perde il suo lustro.

A differenza delle valute fiat, il valore dell’oro e dell’argento non si è mai estinto e in tempi di turbolenza, come durante le transizioni valutarie, tendono a preservare il loro valore in modo molto più efficace rispetto ad altri strumenti finanziari.

Oggi, organizzazioni di base e politici in carica stanno attingendo alla bozza standard del 2010 del ‘Constitutional Tender Act’ del professor William Greene, esperto costituzionale, per lanciare un movimento per rivendicare il diritto di riconoscere l’oro e l’argento fisici come moneta a corso legale.

Scrivendo per la Sound Money Defense League, Stefan Gleason, presidente di Money Metals Exchange, ha raggruppato gli sforzi legislativi statali in tre categorie chiave.

Il primo passo verso l’integrazione del riconoscimento come moneta a corso legale è l’eliminazione dell’imposta sulle vendite dai metalli preziosi, come avviene ora in 42 stati.

Questo è fondamentale perché elimina i costi di transazione inutili e gli attriti inutili che possono ostacolare la libertà di scambio.

Inoltre, l’imposta sulle vendite o sulle plusvalenze implica che l’oro o l’argento sono una merce e non denaro.

In secondo luogo, gli stati stanno cercando di istituire depositi o riserve di metalli preziosi per fungere da copertura contro l’inflazione galoppante e per aumentare i fondi pensione.

In terzo luogo, i progetti di legge di nuova introduzione sostengono l’eliminazione dell’imposta sul reddito sulla vendita di oro o argento.

La legittimità di tali sforzi deriverebbe dalla Sezione 10 della Costituzione degli Stati Uniti che rileva,

Questa può sembrare un’idea radicale, ma come accennato in precedenza, fino a non molto tempo fa i dollari erano sostenuti da argento e oro e gli stati si stanno concentrando semplicemente sul ripristino di questo riconoscimento.

In un movimento diffuso, le organizzazioni di base locali e i legislatori statali hanno presentato progetti di legge per avviare questo processo in almeno 23 stati, con i legislatori di almeno 10 stati che hanno presentato la loro versione del disegno di legge solo nel 2023, tra cui Montana, Missouri, Kansas, Oregon, Kentucky e Wisconsin.

Un caso di studio dell’SB-100 del Missouri

Copy link to section

L’Olanda è una delle figure di spicco che sostengono l’SB-100, o disegno di legge del Missouri, che è stato introdotto dal senatore William Eigel (R) per dare ai cittadini il diritto di usare oro e argento come moneta a corso legale.

A suo avviso, la principale preoccupazione per i legislatori statali è la pressione esercitata sulle pensioni pubbliche che sono minacciate da passività non finanziate.

Il disegno di legge è attualmente assegnato alla sessione esecutiva della Commissione speciale sulla responsabilità di governo della Camera e sarà discusso il 12 aprile.

È interessante notare che il Missouri ospita due banche regionali della Federal Reserve, vale a dire St. Louis e Kansas City.

I pilastri fondamentali del disegno di legge sono elencati di seguito.

    Alla luce dell’erosione del dollaro, delle controverse politiche della Fed e dell’inflazione più alta a lungo, Holland ha osservato:

    Per massimizzare le possibilità di approvazione, il disegno di legge evita di sfidare il dollaro o di commentare il dominio della Federal Reserve.

    Il disegno di legge consente anche la massima flessibilità da parte della tesoreria.

    Ad esempio, le autorità avrebbero un’ampia varietà di modelli tra cui scegliere quando stabiliscono l’infrastruttura e i meccanismi per attuare il disegno di legge (se approvato), compreso l’uso di monete d’oro e d’argento standard, diffusione diffusa di misuratori digitali per valutare il peso, accettazione di goldback sempre più popolari, o partnership con bullion bank private e terze parti che possono offrire conti denominati in oro e argento.

    In caso di successo, il disegno di legge offrirebbe alla fine una via per transazioni monetarie solide per preservare il potere d’acquisto di individui e imprese in caso di gravi squilibri di bilancio, eccessiva stampa di denaro a livello federale o spesa sfrenata da parte delle autorità statali.

    Fondamentalmente, l’accettazione dei metalli preziosi da parte del governo statale, unita ai progressi tecnologici come le carte di credito e di debito garantite dall’oro, potrebbe integrare lo scambio di proprietà dei metalli come base per le transazioni.

    Stati con processi legislativi attivi

    Copy link to section

    Gli Stati americani diffidano della possibilità della perdita dello status di valuta di riserva del dollaro e dell’effetto che ciò potrebbe avere sui sistemi pensionistici.

    La disfatta dei titoli di Stato, strumenti privi di rischio che costituiscono il fondamento del sistema economico globale, e la prospettiva di un’inflazione più elevata hanno alimentato l’urgenza in tutte le legislature.

    In una rara dimostrazione di unità, diversi legislatori hanno depositato autonomamente tali disegni di legge per avviare almeno il processo di riconoscimento dei metalli preziosi come moneta a corso legale.

    In alcuni casi, questi non hanno incontrato praticamente alcuna opposizione, come nel Tennessee, dove la Camera ha votato 98-0 a favore.

    A partire dal 3 aprile 2023, i seguenti stati hanno fatture pendenti che stanno per riconoscere l’oro e l’argento come moneta a corso legale.

    Montana Missouri Kansas Oregon Kentucky
    Wisconsin Tennessee Iowa Mississippi Virginia dell’ovest
    Minnesota Vermont Alaska Carolina del Sud Idaho
    Arkansas Maine New Jersey Arizona Texas
    Fonte: Seminterrato di Ron; Centro del decimo emendamento

    Secondo il Tenth Amendment Center, lo Utah Legal Tender Act (2011) e il Wyoming Legal Tender Act (2018) riconoscono già l’oro e l’argento come moneta a corso legale.

    I legislatori del Wyoming hanno tentato di modificare e rafforzare l’atto esistente, ma questo è fallito alla Camera nel marzo 2023.

    L’Oklahoma ha anche eliminato l’imposta sulle vendite di metalli preziosi nel 2014, classificandola come moneta a corso legale.

    Nel 2023, lo stato si è mosso per imporre l’istituzione di un deposito d’oro sostenuto dallo stato negli uffici del tesoro tramite SB816, introdotto dal senatore Nathan Dahm (R).

    Una nuova fonte di domanda

    Copy link to section

    Per gli investitori in oro, le disposizioni che impongono detenzioni minime di metalli preziosi nella tesoreria statale potrebbero aumentare significativamente la domanda di metalli fisici.

    Ad esempio, Ron’s Basement stima che solo il Missouri avrebbe bisogno di acquistare lingotti per un valore di 9 milioni di dollari per soddisfare i criteri dell’1% stabiliti nel disegno di legge.

    Con gli sforzi per istituire depositi di metalli preziosi garantiti dallo stato in tutto il paese, ciò potrebbe stimolare un nuovo slancio nel mercato rialzista dell’oro e dell’argento.

    Per gli stati, ciò potrebbe anche portare entrate fornendo servizi di caveau protetti dallo stato e conti assegnati a pagamento, in particolare a persone facoltose.

    Tuttavia, come sempre, il diavolo è nei dettagli.

    Se questi disegni di legge dovessero diventare legge e guidare una domanda genuina, dovrebbero essere approvati con un’enfasi sulle partecipazioni fisiche e limitare la diluizione in oro cartaceo.

    I lettori interessati possono trovare maggiori informazioni sulle dinamiche tra oro fisico, argento fisico e le loro varianti cartacee nei link evidenziati.

    In secondo luogo, non è chiaro se la quantità d’oro obbligatoria sarebbe prontamente disponibile e gravi carenze potrebbero finire per costringere i metalli preziosi a tornare allo stato di investimento, piuttosto che come strumenti per l’acquisto come previsto da queste fatture.

    Una cosa è certa. Il dollaro sta iniziando a vedere sfide sia all’estero che in patria.

    Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

    Argento Oro USA Commodities Nord America Pensioni