I prezzi del petrolio greggio scendono di oltre l’1,5% a causa della posizione della Federal Reserve sui tassi di interesse

Di:
su May 23, 2024
Listen
  • Il vicepresidente della Fed per la supervisione, Michael Barr, ha definito i dati sull'inflazione del primo trimestre "deludenti".
  • Opinioni contrastanti sono state presentate dal vicepresidente della Fed Philip Jefferson, che ha trovato i dati di aprile "incoraggianti".
  • L'affitto del greggio per le consegne di luglio è sceso dell'1,56%, scambiato a 82,49 dollari al barile alle 7:32 ET.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Martedì i prezzi del petrolio greggio hanno subito un calo significativo di oltre l’1,5% poiché la Federal Reserve degli Stati Uniti non ha fornito indicazioni chiare riguardo a potenziali tagli dei tassi di interesse.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

L’incertezza deriva dalle recenti dichiarazioni dei principali funzionari della Fed, che riflettono opinioni divergenti sulle prospettive economiche e sulle tendenze dell’inflazione.

I segnali contrastanti dei funzionari della Federal Reserve

Copy link to section

La presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, ha dichiarato che “non vi è alcuna urgenza” di iniziare ad allentare i tassi di interesse, citando l’assenza di prove di un calo prolungato dell’inflazione.

Allo stesso modo, il vicepresidente della Fed per la vigilanza Michael Barr ha definito “deludenti” i dati sull’inflazione del primo trimestre.

Tuttavia, opinioni contrastanti sono state presentate dal vicepresidente della Fed Philip Jefferson, che ha trovato i dati di aprile “incoraggianti”.

Questi segnali contrastanti provenienti dalla Federal Reserve hanno lasciato i mercati incerti sulla direzione futura della politica monetaria, contribuendo al calo dei prezzi del petrolio greggio.

Impatto sui prezzi del petrolio greggio

Copy link to section

Come risultato della posizione della Federal Reserve, il West Texas Intermediate ( WTI ) per le liquidazioni di luglio è sceso dell’1,64%, raggiungendo i 78,06 dollari al barile alle 7:29 ET.

Allo stesso modo, il greggio Brent per le consegne di luglio è sceso dell’1,56%, scambiato a 82,49 dollari al barile alle 7:32 ET.

Il calo dei prezzi del petrolio riflette le preoccupazioni del mercato sui potenziali ritardi nella ripresa economica e sulle continue pressioni inflazionistiche.

Gli investitori restano cauti, in attesa di segnali più definitivi da parte della Federal Reserve riguardo alle future politiche dei tassi di interesse.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

Federal Reserve System Petrolio USA USD Borsa