Ecco perché la più grande banca statunitense è rialzista sui prezzi dell’oro

Scritto da: Michael Harris
Maggio 22, 2020
  • Le misure monetarie e fiscali senza precedenti porteranno allo svilimento della valuta, avverte JPMorgan.
  • Il metallo giallo beneficerà probabilmente di questo processo, così come lo yen giapponese.
  • I prezzi dell'oro sono oggi inferiori dell'1,5% dopo aver raggiunto il massimo degli ultimi 8 anni lunedì.

Dopo il mese in cui sono stati introdotti i più grandi pacchetti monetari e fiscali della storia, il gigante bancario statunitense JPMorgan Chase & Co (NYSE: JPM) ritiene che ci sia un solo vincitore che va avanti, e cioè il prezzo dell’oro.

Analisi fondamentale: declino imminente della valuta

Nell’ultimo rapporto pubblicato da JPMorgan, gli analisti della banca John Normand e Federico Manicardi ritengono che nei prossimi anni, dopo le misure monetarie e fiscali senza precedenti annunciate a livello globale per affrontare le conseguenze dell’epidemia di COVID-19, vi sia un rischio maggiore di perdita di svilimento della valuta nei prossimi anni.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Lo svilimento è il processo in cui il valore di una valuta diminuisce. Abbassando il valore della moneta, i governi credono di avere più fondi per finanziare diversi progetti e processi.

Gli analisti ritengono che la combinazione di massicci stimoli fiscali e monetari, è altamente probabile che darà inizio al processo di svilimento della valuta e che ne uscirà vincitore il prezzo dell’oro. Nonostante si ritiene che lo svilimento si traduca in un’alta inflazione, gli analisti della JPMorgan ritengono che l’inflazione dovrebbe rimanere contenuta nei prossimi due anni.

“Coloro che vedono nelle principali valute solo diverse sfumature delle stesse passività a lungo termine dovrebbero semplicemente attenersi alla valuta di riserva più antica del mondo: l’oro”, hanno scritto nel rapporto.

“Se gli Stati Uniti continuano ad assorbire capitali e i deficit fiscali superando i rischi per i finanziamenti esterni, il rimborso tramite le valute del G-10 si concentrerà in quelle con vantaggi superiori alla media dei tassi reali per gli Stati Uniti, come lo yen e il franco svizzero”, viene osservato.

Quindi, Normand e Manicardi sostengono che lo yen giapponese può anche trarre profitto dallo svilimento delle valute, oltre che dall’oro.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Analisi tecnica: i prezzi dell’oro si ritirano dai livelli record

I prezzi dell’oro sono oggi inferiori dell’1,5% dopo che è stato rivelato che la Banca Centrale Russa, ritenuta il più grande acquirente di oro al mondo, non ha acquistato il metallo giallo durante tutto il mese di aprile. Tuttavia, i prezzi dell’oro sembrano comunque molto sostenuti in futuro.

Grafico giornaliero dell’oro (XAU/USD) (TradingView)

All’inizio di questa settimana, i buyer hanno costretto i prezzi dell’oro a salire ai livelli più alti registrati dal 2012. Nonostante sia molto probabile che nei prossimi giorni si arrivi a 1.700 dollari, i prezzi dell’oro sembrano ancora molto rialzisti, mentre i buyer guardano verso la soglia di 1.900 dollari per completare il pattern grafico rialzista.

In sintesi

I prezzi dell’oro sono scesi ieri dell’1,5% il giorno dopo aver raggiunto i massimi pluriennali. JPMorgan ha avvertito che le misure fiscali senza precedenti presentate a livello globale porteranno probabilmente allo svilimento della valuta, con i prezzi dell’oro che ne usciranno vincitori.