USD/NOK: l’aumento del greggio e l’inflazione sollevano la corona norvegese

Di:
su Ago 10, 2020
  • USD/NOK è diminuita poiché gli investitori hanno reagito all'aumento del greggio e ai dati sull'inflazione.
  • Secondo l'ufficio statistico norvegese, i prezzi al consumo principali sono aumentati dell'1,3% a luglio.
  • L'inflazione ai prezzi di fabbrica è scesa al 13,3%, un miglioramento rispetto al precedente calo del 14,4%.

La coppia USD/NOK è leggermente diminuita oggi poiché i trader hanno reagito ai dati sull’inflazione norvegese e all’aumento dei prezzi del greggio. La coppia è quotata a 9,0050, che è inferiore al massimo della scorsa settimana pari a 9,0785.

USD/NOK
USD/NOK scende dopo i dati sull’inflazione

Agevolazione dell’inflazione al consumo norvegese

I prezzi al consumo in Norvegia sono leggermente diminuiti a luglio poiché l’economia del Paese ha continuato a ripartire. Secondo l’ufficio di statistica del Paese, il CPI è aumentato di un tasso annualizzato dell’1,3% a luglio, inferiore al precedente 1,4%. Su base mensile, il CPI principale è aumentato dello 0,7% dal precedente 0,2%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Secondo l’ufficio statistico, l’aumento è stato dovuto principalmente a un aumento del 3,3% della vendita di alimenti e bevande analcoliche. Il prezzo dei servizi di trasporto e degli arredi è aumentato rispettivamente dell’1,5% e dell’1,0%. Questo aumento è stato parzialmente compensato da un calo del 2,8% nell’abbigliamento e nelle calzature.

Il CPI core, che esclude la volatilità dei prezzi di cibo ed energia, è aumentato del 3,5% a luglio dopo l’aumento del 3,1% a giugno. Questo aumento è stato migliore del 3,0% che gli analisti intervistati da Reuters si aspettavano.

Nello stesso mese, l’indice dei prezzi alla produzione (PPI) è sceso a un tasso annualizzato del 13,3%. Questo calo è stato migliore del calo del 14,4% rilevato nel mese precedente. Il PPI è una misura importante dell’inflazione, che misura le variazioni dei prezzi di fabbrica.

Secondo il Bureau, il calo è stato dovuto principalmente a un calo del 21,3% dei prodotti petroliferi raffinati. Questo calo è stato parzialmente compensato da un aumento del 3,9% dei prodotti alimentari e del 4,2% dei macchinari e delle attrezzature.

Oggi abbiamo riferito che i prezzi al consumo in Cina sono aumentati del 2,7% a luglio, mentre i prezzi alla produzione sono diminuiti del 2,4% nello stesso mese.

L’aumento di prezzo del greggio spinge la corona norvegese

L’USD/NOK è diminuito anche a causa dei prezzi del petrolio greggio significativamente più alti. Il petrolio greggio Brent è aumentato di oltre l’1,60% mentre il West Texas Intermediate è salito di oltre il 2,35%. Questo aumento è probabilmente dovuto al crollo delle piattaforme petrolifere negli Stati Uniti.

Secondo Baker Hughes, i produttori americani hanno ridotto le piattaforme petrolifere a 172 quando il settore continuava ad avere prezzi decisamente passi. Nel gennaio di quest’anno erano in funzione più di 600 piattaforme petrolifere.

Il prezzo è aumentato anche a causa del calo delle scorte negli Stati Uniti. Secondo l’Energy Information Administration, le scorte negli Stati Uniti sono diminuite di oltre 7,4 milioni nella settimana scorsa. Il dato è stato migliore dell’ammontare di 2,3 milioni che gli analisti si aspettavano.

La coppia USD/NOK tende a reagire ai prezzi del petrolio greggio a causa del volume di petrolio che la Norvegia esporta ogni giorno.

Previsioni tecniche USD / NOK

USD/NOK
Analisi tecnica USD/NOK

La coppia USD/NOK ha registrato una forte tendenza al ribasso dopo aver raggiunto il picco di 12,1383 lo scorso marzo. Ora è quotata a 8,2090, che è vicino al livello più basso da giugno dello scorso anno. Il prezzo è inferiore alle medie mobili esponenziali a 100 e a 50 giorni, mentre il RSI è sceso al livello più basso da anni. Inoltre, il prezzo è inferiore alla linea di tendenza discendente mostrata in nero di seguito. Pertanto, sospetto che la tendenza al ribasso continuerà mentre i ribassisti testeranno il prossimo livello di resistenza a 8.500.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money