Come procedono le iniziative di riduzione dei costi di Barnes & Noble Education

Scritto da: Jayson Derrick
Dicembre 29, 2020
  • Barnes & Noble Education gestisce quasi 800 librerie nei campus statunitensi.
  • Durante il picco della pandemia di COVID-19, tutti i negozi erano chiusi.
  • Oggi, circa 50 negozi rimangono chiusi e non è previsto un ritorno alle attività di apprendimento pre-pandemiche a breve.

Il direttore finanziario di Barnes & Noble Education Inc. (NYSE: BNED), Thomas Donohue, ha dichiarato al Wall Street Journal in un’intervista che la società continuerà a dare priorità alle iniziative di riduzione dei costi poiché molte scuole in tutto il mondo restano chiuse.

Esposizione al campus universitario

Barnes & Noble Education è stata creata nel 2015 quando l’iconica società di librerie si è divisa in due entità. La principale società di librerie è stata rinominata Barns Group Inc. (NYSE: B) mentre BNED è costituita dall’attività di libreria universitaria.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

I libri di testo possono essere un investimento redditizio, secondo un rapporto di Piper Sandler della fine di agosto.

BNED gestisce quasi 800 negozi nei campus universitari statunitensi, tutti chiusi nei primi giorni della pandemia di COVID-19. Oggi, 52 negozi restano chiusi mentre centinaia di altri probabilmente subiranno l’impatto dell’apprendimento remoto.

Nel frattempo, l’azienda deve fare affidamento sul proprio business digitale per compensare la perdita di vendite al dettaglio. La direzione non sta cercando di tagliare i costi nelle sue attività online, inclusi i suoi dispositivi e-book, i media digitali, le librerie personalizzate e il servizio di apprendimento Bartleby che offre aiuto per i compiti e altre forme di orientamento.

La presenza fisica al dettaglio dell’azienda non è l’unica sfida che deve superare. L’analista di Needham Ryan MacDonald ha detto a WSJ che Donohue e il resto del team esecutivo devono affrontare una nuova serie di sfide in termini di gestione dell’inventario.

“Se esauriscono le scorte in determinate aree, devono essere in grado di evadere gli ordini di vendita che arrivano abbastanza rapidamente ed entro un paio di settimane al massimo,” ha affermato l’analista.

Tagli ai posti di lavoro

La sfortunata realtà ha spinto BNED a licenziare un numero imprecisato di lavoratori, secondo l’intervista del WSJ. I numeri probabilmente non potevano supportare il precedente libro paga dell’azienda di 5500 dipendenti.

La società ha registrato un calo delle vendite del 22,9% a 595,5 milioni di dollari per il trimestre terminato il 31 ottobre. Durante lo stesso trimestre, le spese di vendita e amministrazione sono diminuite di 21,4 milioni di dollari, ben al di sotto di compensare la perdita di entrate. Donohue ha detto a WSJ che guardando indietro si rammarica di non aver licenziato prima i lavoratori licenziati per aiutare a ridurre i costi.

“Avremmo potuto agire più velocemente,” ha detto nell’intervista. “Questa è probabilmente la mia più grande lezione.”

La tempistica per la restituzione non è chiara

Non esiste un lasso di tempo immediato entro il quale l’istruzione di persona può tornare ai livelli pre-pandemici e il team di gestione di BNED si sta adattando di conseguenza trovando modi per ridurre i costi. In effetti, l’azienda non ha altra alternativa che continuare a ridurre le spese quando e dove può per il breve termine.

Alcune università sono fiduciose che gli studenti possano tornare in classe in autunno. Ma gli studenti giovani e sani sono in fondo alla lista delle priorità per ricevere un vaccino contro il Coronavirus.