DXY: l’indice del dollaro USA in pennant ribassista dopo la testimonianza di Powell

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Feb 24, 2021
  • L'indice del dollaro USA ha formato un pennant ribassista dopo la testimonianza di Powell.
  • Ha spiegato che gli Stati Uniti hanno bisogno di più sostegno fiscale e monetario.
  • Testimonierà mercoledì in attesa dei dati del PIL del Q4.

L’indice del dollaro USA (DXY) ha formato un pennant ribassista dopo la prima testimonianza di Jerome Powell. Viene scambiato a $90,08, che è dell’1% sotto il massimo di febbraio di $91,05.

Dollar index
Grafico dell’incide del dollaro USA

Testimonianza di Jerome Powell

L’indice del dollaro ha vacillato non appena i trader forex hanno digerito le ultime dichiarazioni di Powell, il presidente della Fed. Nel suo primo giorno di testimonianze davanti a una commissione del Senato, ha detto che l’economia stava attraversando una ripresa irregolare. Di conseguenza, ha affermato che il Paese avrà bisogno di più sostegno fiscale e monetario. Ha dichiarato:

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“L’economia è molto lontana dai nostri obiettivi in materia di occupazione e inflazione, ed è probabile che occorrerà del tempo per ottenere ulteriori progressi sostanziali”.

Di conseguenza, il dollaro USA ha vacillato rispetto alle coppie di valute chiave. Ha perso leggermente contro l’euro e la sterlina, ma ha guadagnato contro lo yen giapponese e il franco svizzero. Allo stesso modo, anche i rendimenti dei titoli di stato americani sono stati in un intervallo ristretto, con il rendimento a 5 anni in lieve calo.

La dichiarazione del presidente della Fed è arrivata in un momento in cui le obbligazioni a breve e più lunga scadenza sono aumentate in previsione del prossimo pacchetto di stimoli da $1,9 trilioni. Gli analisti ritengono che il pacchetto porterà a una ripresa economica più forte. Ciò, a sua volta, stimolerà l’inflazione e costringerà la Federal Reserve ad aumentare i tassi di interesse prima del previsto.

Nei prossimi due giorni, la DXY reagirà a un’altra testimonianza di Powell. Tuttavia, nella maggior parte dei periodi, le sue testimonianze del secondo giorno di solito non spostano tanto la valuta. L’indice reagirà anche agli ultimi nuovi numeri di vendita di case. Gli analisti ritengono che le vendite siano aumentate solo del 2,1% a gennaio, poiché il Paese ha continuato a essere in lockdown.

Giovedì, il Bureau of Statistics pubblicherà la seconda stima dei dati del PIL del Q4. Sebbene i dati del PIL siano importanti, la seconda lettura di solito non influisce granché sulla valuta. Altri numeri importanti da tenere d’occhio saranno gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti e i numeri delle vendite di case in sospeso.

Previsioni tecniche sull’indice del dollaro USA

DXY
Grafico tecnico DXY

L’indice del dollaro è stato relativamente debole negli ultimi tempi poiché gli investitori hanno scommesso sull’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti. Sul grafico a quattro ore, il prezzo è leggermente superiore al livello di ritracciamento di Fibonacci del 61,8%. È anche leggermente al di sopra del secondo supporto dello strumento, la forca di Andrews. Ancora più importante, ha formato un modello di flag ribassista. Pertanto, nel breve termine, l’indice potrebbe riprendere la tendenza al ribasso poiché i ribassisti tenteranno di scendere sotto i $90.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro