5 punti chiave dai risultati finanziari del Q2 di Disney

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Mag 14, 2021
  • Le vendite di Disney sono state inferiori alle attese nel Q2 fiscale.
  • Ivan Feinseith vede il calo della Disney come un'opportunità di acquisto.
  • Disney+ raggiunge il traguardo di 100 milioni di abbonati nel Q2.

La Walt Disney Co. (NYSE: DIS) ha detto giovedì che le sue vendite nel secondo trimestre fiscale sono state inferiori alle aspettative. Tuttavia, ha superato le stime per gli utili per azione rettificati. Ieri, le azioni Disney sono scese di poco meno del 5% durante l’extended trading.

1. Performance finanziaria

Disney ha registrato 641,11 milioni di sterline di guadagni nel secondo trimestre che si traducono in 34,87 pence per azione. Su base rettificata, ha guadagnato 56,21 pence per azione nel secondo trimestre rispetto alla cifra di 42,69 pence per azione di un anno fa.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La società di mass media ha generato vendite per 11,11 miliardi di sterline nell’ultimo trimestre, in calo rispetto ai 12,81 miliardi di sterline dello scorso anno. Secondo FactSet, gli esperti avevano previsto che la società avrebbe registrato 11,29 miliardi di sterline di vendite nel Q2 e 18,50 pence di EPS rettificato. Nel trimestre precedente, Disney aveva registrato entrate per 8,39 miliardi di sterline.

2. Risultati Disney+

Disney+ ora vanta 103,6 milioni di abbonati in totale. Compresi Hulu ed ESPN+, Disney ha 158,8 milioni di abbonati in streaming totali. In confronto, gli analisti avevano previsto 109,26 milioni di abbonati per Disney+ entro la fine del secondo trimestre e 161,67 milioni di abbonati in streaming totali. Il segmento dello streaming, secondo la società con sede a Burbank, ha generato 2,85 miliardi di sterline di vendite nel Q2 rispetto ai 2,88 miliardi di sterline previsti.

3. Altre cifre degne di nota

Disney ha valutato le sue vendite dal settore dei media e dell’intrattenimento a 8,85 miliardi di sterline nel secondo trimestre, con le sue reti televisive lineari tradizionali che hanno contribuito con 4,80 miliardi di sterline. I parchi a tema e le vendite di prodotti, d’altra parte, hanno incassato complessivamente 2,26 miliardi di sterline. La stima di FactSet per le vendite di questi segmenti è stato rispettivamente di 9,07 e 880 milioni di sterline.

4. Guidance futura

Il CFO Christine McCarthy si è astenuto dal fornire previsioni finanziarie complete giovedì, ma ha dichiarato:

“Le prenotazioni lungimiranti per le prenotazioni di parchi in entrambi i nostri parchi nazionali sono forti, a dimostrazione della forza dei nostri marchi e del crescente ottimismo sui viaggi con il declino del numero di casi, le rampe di distribuzione dei vaccini e le restrizioni governative”.

Secondo il CEO Bob Chapek, tuttavia, Disney+ è sulla buona strada per raggiungere la sua guida fino a 260 milioni di abbonati entro la fine dell’anno fiscale 2024.

5. Osservazioni di Ivan Feinseith a “Closing Bell” della CNBC

Commentando il rapporto sugli utili della Disney giovedì, Ivan Feinseith di Tigress Financial Partners ha spiegato a “Closing Bell” della CNBC:

“Non si vorrebbe mai vedere un calo, soprattutto di una metrica chiave in questo caso, degli abbonati. Ma ci sono così tante cose in corso che aiuteranno la Disney: la riapertura di parchi, di cinema, di studi. Quindi, penso che questo calo sia un’opportunità di acquisto. Sono andati bene, sono sopravvissuti bene durante la pandemia e se la caveranno eccezionalmente bene in un ambiente post-pandemia”.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro