GBP/USD sale e l’aumento dell’inflazione tiene sotto pressione la BOE

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Giu 16, 2021
  • La coppia GBP/USD è salita mercoledì dopo gli ultimi dati sull'inflazione nel Regno Unito.
  • L'indice dei prezzi al consumo è aumentato del 2% a maggio.
  • Questo aumento sta mettendo più pressione sulla Bank of England (BOE).

La coppia GBP/USD è spuntata mercoledì dopo gli ultimi dati sull’inflazione nel Regno Unito. La coppia è salita a 1,4110, che è stata sostanzialmente superiore al minimo di questa settimana di 1,4033.

GBP/USD
Azione di prezzo GBP/USD

L’inflazione nel Regno Unito aumenta

I prezzi al consumo stanno aumentando in tutto il mondo mentre l’economia riparte e i prezzi delle materie prime aumentano. Questa tendenza è continuata anche nel Regno Unito.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Secondo l’Office of National Statistics (ONS), l’indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato dello 0,6% a maggio, meglio del previsto rallentamento dello 0,3%. Questo aumento è stato pari al 2,1% su base annua e segue l’aumento dell’1,5% nel mese precedente. Il risultato è stato al di sopra dell’obiettivo del 2% della Bank of England (BOE) e della stima mediana dell’1,8%.

Il CPI core, che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, è passato dallo 0,3% allo 0,8% su base mensile e dall’1,3% al 2,0% su base annua. Questo aumento è dovuto principalmente a un forte aumento dei prezzi dell’abbigliamento, del carburante e dei beni ricreativi. È parzialmente compensato dal calo dei prezzi di generi alimentari e analcolici.

La coppia GBP/USD è aumentata anche a causa del rilascio dei prezzi di fabbrica. Il PPI input è aumentato dal 10% al 10,7% mentre il PPI output è passato dal 4,0% al 4,6%. Pertanto, questi numeri mostrano che esiste un divario considerevole tra i prezzi alla produzione e al consumo.

I dati sono arrivati un giorno dopo che il Regno Unito ha pubblicato forti dati sulla disoccupazione. Il tasso di disoccupazione è sceso dal 4,8% di marzo al 4,7% di aprile. Pertanto, questi numeri indicano un possibile inasprimento da parte della Bank of England (BOE) quando si riunirà la prossima settimana. In una nota, gli analisti di ING hanno scritto:

“Per il momento, stiamo ancora pianificando il primo rialzo dei tassi all’inizio del 2023. Tuttavia, una ripresa economica più rapida, forse innescata da uno scarico dei risparmi delle famiglie maggiore del previsto, potrebbe plausibilmente anticiparlo nel 2022”.

Il GBP/USD reagirà tra qualche ora all’ultima decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve, che verrà annunciata oggi. Gli analisti prevedono che la Fed lascerà i tassi invariati e manterrà un tono rigido.

Analisi GBP/USD

GBP/USD
Grafico tecnico GBP/USD

Il grafico a quattro ore mostra che la coppia GBP/USD è balzata dopo gli ultimi dati sull’inflazione nel Regno Unito. La coppia ha superato l’importante resistenza a 1,4084 e ha attraversato le medie mobili esponenziali a 25 giorni (EMA). Allo stesso tempo, il Relative Strength Index (RSI) ha formato un canale discendente mostrato in blu. Questo è un segno di una divergenza ribassista. Pertanto, la coppia potrebbe riprendere la tendenza al ribasso poiché i ribassisti prendono di mira il prossimo supporto chiave a 1,4000.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro