Le vendite USA di General Motors di veicoli nel Q2 mancano di poco le stime

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Lug 1, 2021
Updated: Lug 2, 2021
  • Le vendite di veicoli General Motors nel Q2 sono aumentate di quasi il 40% rispetto allo scorso anno.
  • L'inventario della casa automobilistica USA si è ridotto del 36% nel Q2.
  • Mark Fields afferma di non aver mai visto livelli di inventario così bassi.

La General Motors Company (NYSE: GM) ha dichiarato giovedì che la carenza di chip in corso ha pesato sulle sue vendite di veicoli negli Stati Uniti che sono state leggermente inferiori alle aspettative nel Q2. Le azioni della società sono in calo di quasi l’1% sul grafico intraday.

L’inventario di GM si è ridotto del 36% nel Q2

Le vendite del secondo trimestre di General Motors sono aumentate del 39,7% su base annua poiché l’industria automobilistica globale ha dovuto affrontare interruzioni senza precedenti a causa della pandemia di Coronavirus lo scorso anno. Gli esperti, tuttavia, avevano previsto una crescita delle vendite annualizzata minima del 40%. Commentando il rapporto sulle vendite, il capo economista di GM, Elaine Buckberg, ha dichiarato giovedì:

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Anche la domanda di veicoli da parte dei consumatori è forte, ma limitata da scorte molto limitate. Prevediamo una domanda elevata continua nella seconda metà di quest’anno e nel 2022″.

General Motors ha recuperato notevolmente le vendite dai minimi della pandemia dell’anno scorso, ma lo slancio non è stato impressionante quest’anno. La casa automobilistica ha venduto 18,6 milioni di veicoli ad aprile, che sono scesi a 17,1 milioni a maggio, e si prevede che a giugno ci siano circa 15,7 milioni.

L’inventario di GM è sceso del 36% dalla fine del Q1 alla fine del Q2. In notizie correlate, anche la società Hyundai Motor Company ha registrato un aumento del 39% nelle vendite del secondo trimestre giovedì e le vendite record di giugno. Anche la sua controllata, Kia Corporation, ha visto risultati simili. Le vendite di giugno di Toyota sono aumentate del 40% e ha venduto il numero più alto di camion di sempre nella prima metà del 2021.

I commenti di Mark Fields a “Squawk on the Street” della CNBC

Rispetto al secondo trimestre del 2020, gli analisti stimano che le vendite di veicoli negli Stati Uniti siano aumentate di circa il 52% quest’anno. Secondo l’ex CEO di Ford Motor, Mark Fields, tuttavia, i livelli di inventario del settore sono attualmente diminuiti di almeno il 50% rispetto ai normali livelli stagionali. A “Squawk on the Street” della CNBC, ha evidenziato:

“Non abbiamo mai visto scorte di auto a livelli così bassi. Penso che ci vorranno almeno i prossimi 12-15 mesi per riportare le scorte al livello pre-COVID a causa dei problemi della supply chain e della domanda repressa”.

Poiché l’inventario non è in grado di soddisfare la forte domanda al momento, ha aggiunto Fields, è probabile che i prezzi delle auto aumentino nei prossimi mesi.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro