Previsioni USD/JPY dopo i deboli PPI del Giappone

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Set 13, 2021
  • L'USD/JPY si trova in un range ristretto dopo i dati deboli del PPI giapponese.
  • Il PPI è sceso dall'1,1% allo 0,0% su base mensile ad agosto.
  • Il Giappone si ritrova con una fragile ripresa per l'aumento del numero di casi di Covid.

La coppia USD/JPY è rimasta stabile nell’early trading dopo i dati relativamente stabili dell’indice dei prezzi alla produzione (PPI) del Giappone. La coppia è stata scambiata a 109,92, dove è stata negli ultimi giorni.

Dati sull’inflazione del Giappone

L’economia giapponese è rimasta stabile negli ultimi mesi. In effetti, i dati pubblicati la scorsa settimana hanno rivelato che l’economia del Paese si è ripresa a un ritmo più rapido del previsto con l’aumento degli investimenti delle imprese. Nel secondo trimestre è cresciuta dell’1,9%, più della stima mediana dell’1,6%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Tuttavia, l’economia del Giappone rimane fragile poiché affronta una nuova ondata di casi di Covid-19. In effetti, il Paese sta segnalando più di 20.000 nuovi casi al giorno. Ciò rischia di trattenere l’economia in un momento in cui altre nazioni simili stanno registrando una forte crescita.

Anche la Banca del Giappone (BOJ) deve affrontare una situazione difficile con l’inflazione. I dati pubblicati lunedì hanno rivelato che l’indice dei prezzi alla produzione nazionale è sceso dall’1,1% di luglio allo 0,0% di agosto, calo più marcato rispetto alla stima mediana dello 0,2%. Di conseguenza, il PPI è sceso dal 5,6% al 5,5% su base annua.

Dati recenti hanno mostrato che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) giapponese è diminuito dello 0,2% in Giappone a causa delle tariffe mobili relativamente più basse. Pertanto, con un’inflazione relativamente più bassa, si teme che la Banca del Giappone mantenga un tono accomodante nonostante altre banche centrali iniziano la loro fase di inasprimento. Proprio la scorsa settimana, la Banca centrale europea ha dichiarato che inizierà a rallentare il ritmo degli acquisti di asset.

Guardando al futuro, il prossimo catalizzatore chiave per il prezzo USD/JPY saranno i dati sull’indice dei prezzi al consumo (CPI) degli USA previsti per martedì. Gli analisti si aspettano che i dati mostrino che il CPI sia rimasto a livelli elevati ad agosto.

Analisi tecnica USD/JPY

USD/JPY

Il grafico giornaliero mostra che la coppia USD/JPY è stata recentemente in un intervallo ristretto. La coppia viene scambiata a 109,45, leggermente al di sotto del massimo da inizio anno di 111,63. Ha anche formato un pattern a triangolo ascendente ed è leggermente al di sopra del livello di ritracciamento del 23,6%.

Pertanto, la coppia rimarrà probabilmente in questo intervallo in vista dell’inflazione americana e dei numeri delle vendite al dettaglio previsti per la fine di questa settimana. D’altro canto, un calo al di sotto di 109,5 invaliderebbe questa previsione.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro