Le azioni salgono, la solita storia, ma nulla è cambiato rispetto a prima

Di:
su Oct 5, 2022
Aggiornato: Oct 8, 2022
Listen to this article
  • Le azioni hanno raggiunto il miglior rendimento di due giorni dal 2020
  • Speranza rinnovata che la Fed inverta la rotta dopo un aumento dei tassi inferiore al previsto in Australia
  • L'abbiamo visto più e più volte quest'anno, scrive Dan Ashmore

Ahah. Che c’è di nuovo?

Un altro giorno, un altro grande mercato azionario si allontana dalle speranze di un’inversione di rotta della Federal Reserve.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Per la millesima volta che succede quest’anno, le azioni sono salite bruscamente per la rinnovata speranza che la Federal Reserve stia in qualche modo bluffando con la sua posizione rigida contro gli aumenti dei tassi di interesse.

Il Dow ha aggiunto 800 punti martedì, con il Nasdaq in aumento – nel complesso, le azioni hanno registrato il miglior aumento di due giorni dal 2020. Certo, non esattamente uno spazio campione sconvolgente, ma è bello riportare alcune notizie positive per cambiare un po’.

Perché i mercati salgono?

La rinnovata speranza degli investitori che la Federal Reserve si ammorbidisca in realtà deriva dalle notizie Down Under.

La Reserve Bank of Australia ha avuto un aumento di soli 25 pb , sorprendendo il mercato che aveva ipotizzato un salto di 50 pb. È la prima banca centrale a rallentare sull’aumento dei tassi d’interesse, poiché l’aumento di 25 pb rappresenta l’oscillazione più piccola. E gli investitori negli Stati Uniti non hanno perso tempo nell’accumulare azioni di conseguenza.

Insieme a una crescita dell’occupazione più lenta del previsto – sai, una cattiva notizia è una buona notizia perché significa che la Fed aumenterà di meno – significa che il mercato sta ottenendo un meritato sollievo. Le pozioni aperte lavorative ad agosto sono diminuite di 1,1 milioni, il che è terribile, ma è anche necessario un rallentamento del mercato del lavoro per alleviare i problemi inflazionistici.

E con l’allentamento dell’inflazione, gli aumenti dei tassi cesseranno e il bingo, le azioni andranno sulla luna.

Cosa farà la Federal Reserve?

È solo l’ultimo promemoria del fatto che il clima macro tira le redini. Le azioni salgono le aspettative su ciò che la Federal Reserve farà con i tassi di interesse diminuiscono.

Per me, questa piccola notizia non cambia nulla. Le aspettative di rialzo dei tassi si riducono leggermente e le azioni di conseguenza si sono mosse al rialzo. Niente di meno, niente di più.

Ray Dalio, investitore miliardario e residente frequente nella “sezione influencer” di LinkedIn, ha commentato con interessanti commenti affermando di essersi allontanato dalle sue posizioni precedenti secondo cui “i contanti sono spazzatura” e ora crede che sia un investimento neutro, visti gli aumenti dei tassi e contrazione del bilancio della Fed.

“Il tasso di interesse a breve termine adesso è più o meno giusto”, ha affermato.

Se il grande Jerome Powell sia d’accordo con Dalio è un’altra questione. Ed è proprio questo che muoverà i mercati. Se oggi usciranno altre informazioni che suggeriscono che la Fed non invertirà la rotta, i guadagni sono assicurati. In questo momento, non c’è davvero niente di più importante dell’inflazione e delle intenzioni della Federal Reserve.

È il mondo di Jerome Powell e possiamo solo restare a guardare.