Mentre Glazers cerca di vendere, quanto vale il Manchester United?

Di:
su Nov 28, 2022
Listen to this article
  • Secondo quanto riferito, i proprietari del Manchester United sono disposti a vendere il club
  • Anche i proprietari del PSG cercano di disinvestire, mirando a una valutazione di 4,2 miliardi di dollari
  • 8,5 miliardi di dollari sono l'obiettivo di vendita, ma il Chelsea è stato venduto per soli 3,2 miliardi

Un paio di mesi fa ho scritto un’analisi approfondita in merito alle finanze del Manchester United .

Ho parlato del controverso leveraged buyout attraverso il quale i Glazers hanno preso il controllo del club, così come dei flussi di dividendi che hanno recuperato, del debito sul club e delle spese in conto capitale.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La scorsa settimana, gli impopolari proprietari hanno annunciato che stavano “avviando un processo per esplorare alternative strategiche” per il Manchester United. Questo è un discorso aziendale che tradotto vuol dire: “vogliamo vendere, ma solo se otteniamo un buon prezzo”.

Spereranno che questo tranquillizzi i tifosi, proprio come ha fatto Mike Ashley con il Newcastle prima di vendere il club l’anno scorso (un fatto di cui purtroppo sono ben consapevole, come tifoso del Newcastle). La differenza tra “considerare una vendita” e vendere effettivamente il club è enorme. Ma questo vuol dire tutto e niente.

Allora, quanto vale il Manchester United?

I proprietari del Qatar mirano a una valutazione di 4 miliardi di euro per il PSG

La notizia ha preceduto un altro annuncio interessante nel mondo del calcio. E non mi riferisco Cristiano Ronaldo che segue le orme di Meghan Markle rilasciando un’intervista controversa per deviare l’attenzione dalla sua disastrosa performance nella Premier League.

Mi riferisco al piano del Qatar di disinvestire nel Paris Saint-Germain, il titano del calcio francese. Di proprietà di Qatar Sports Investments (QSI) dal 2011, è una filiale della Qatar Investment Authority (QIA), il fondo sovrano statale del Qatar.

I campioni di Francia hanno discusso con diversi investitori dall’inizio di quest’anno sulla vendita di una quota compresa tra il 10% e il 15%. La valutazione mirata fornisce un punto di riferimento con cui possiamo valutare il Manchester United.

Il presidente del PSG Nasser Al-Khelaifi ha delineato l’obiettivo come “oltre 4 miliardi di euro”, ma ha avvertito che un tale accordo potrebbe “richiedere mesi”. Se prendiamo i nostri calcolatori e li convertiamo in dollari, otteniamo una valutazione di circa 4,2 miliardi di dollari, il che è un significativo salto in avanti rispetto a un altro benchmark che abbiamo: quello del Chelsea, venduto pochi mesi fa per circa 3,2 miliardi di dollari all’epoca (circa 3 miliardi di euro) a un consorzio di investimento guidato dall’americano Todd Boehly.

Il Manchester United vale più del PSG?

Se il PSG riuscisse a ottenere un investimento che valuti il club a 4 miliardi di euro, questo sarebbe senza dubbio un vantaggio per i proprietari del Manchester United. Il PSG è stato valutato più recentemente da Forbes a 3 miliardi di euro, anche se Forbes ha notevolmente ridotto la valutazione del Chelsea prima della sua vendita.

Le valutazioni sono aumentate vertiginosamente negli ultimi anni per le squadre sportive. Ciò è dovuto principalmente alla proliferazione di accordi di trasmissione, che hanno interessato grossi investitori istituzionali.

Abbiamo anche visto che anche il denaro statale si è fatto strada nel gioco. Oltre al Qatar e al PSG, il Newcastle è stato rilevato dal fondo sovrano saudita all’inizio di quest’anno, suscitando ogni sorta di emozioni contrastanti per noi tifosi del Newcastle. Il Manchester City è l’altro esempio eclatante, di proprietà di un membro della famiglia reale di Abu Dhabi.

I proprietari del PSG hanno acquistato il club per soli 70 milioni di euro nel 2011, che in termini odierni sembra un affare migliore dell’ingaggio di Nick Pope per 10 milioni di euro (che tra l’altro dovrebbe partire dall’Inghilterra). Pertanto, una vendita a 4 miliardi di euro rappresenterebbe un buon ritorno sull’investimento di 57 volte. Certo, c’è la questione di 1,6 miliardi di euro spesi per i giocatori nel frattempo, che impallidisce ancora accanto a un numero di 4 miliardi di euro.

Confrontando il Manchester United con il PSG, però, la squadra inglese è su un livello diverso. Forbes li ha valutati a 4,6 miliardi di dollari a maggio di quest’anno, con il PSG che arriva a 3,2 miliardi di dollari.

Guardando il prezzo delle azioni del Manchester United, il patrimonio netto è valutato a 3,5 miliardi di dollari, con una valutazione di 4 miliardi di dollari se si include il debito. Tuttavia, ciò non implica che il club verrebbe venduto per così tanto: basta chiedere a Elon Musk se pensa che Twitter valga i 44 miliardi di dollari che ha pagato per questo.

Io e gli altri investitori stiamo ovviamente pagando più del dovuto per Twitter in questo momento, il potenziale a lungo termine per Twitter a mio avviso è di un ordine di grandezza superiore al suo valore attuale

Elon Musk

Il Manchester United potrebbe essere venduto per 8,5 miliardi di dollari?

I rapporti suggeriscono che gli addetti ai lavori mirano a una valutazione di 7 miliardi di sterline per il Manchester United, che equivale a circa 8,5 miliardi di dollari.

Per me, questo è un discorso che non sta né in cielo né in terra. Non è possibile che il club valga più del doppio del Chelsea. Il mio articolo precedente delineava la spesa per il trasferimento, la ristrutturazione dello stadio e l’investimento nell’accademia che sarebbero stati necessari: questo contesto significa che una cifra di 7 miliardi di sterline è ancora più inverosimile.

Il problema qui si riduce al fatto che i nuovi proprietari possano monetizzare la base di fan straordinariamente ampia del Man United. Questo è un problema di vecchia data nel calcio, poiché la maggior parte dei club fatica a realizzare profitti nonostante un supporto enorme in tutto il mondo.

Una cifra di 7 miliardi di sterline sembra presumere che questa monetizzazione di massa avverrà a tutti gli effetti. Se i proprietari sapranno sfruttare il valore immenso del marchio del nome del Manchester United per aumentare le vendite di merchandising e creare flussi di entrate accessorie come collaborazioni, produzione multimediale e innumerevoli altre opzioni, allora una valutazione come questa potrebbe avere un senso. Per molti versi, è simile alla logica di Musk condivisa su Twitter che abbiamo citato poco sopra.

In definitiva, tuttavia, questo non è il caso di base. Né è dove stanno arrivando i benchmark, come Chelsea e potenzialmente PSG. Se il PSG riesce a ottenere una valutazione di 4,2 miliardi di dollari, non c’è motivo di credere che il Manchester United non possa ottenere 1,5 volte quel valore, il che lo porterebbe a 6,2 miliardi di dollari. Il differenziale di 1,5 volte è più o meno quello che Forbes ha assegnato alla differenza di valore tra i club anche secondo il loro studio sopra.

Inoltre, le squadre di calcio sono bestie illiquide: è una sfida valutarle. E quando entra in gioco la passione, chi può dirlo? Il Manchester United rimane il club più grande del mondo, anche se senza il successo sul campo negli ultimi tempi per eguagliare tale status.

Dopotutto, basta un solo acquirente.