Il Royal Group degli Emirati Arabi Uniti sta scommettendo molto contro le azioni statunitensi

Di:
su May 10, 2023
Listen
  • Royal Group ha costruito una posizione corta multimiliardaria in azioni statunitensi.
  • Sta scommettendo sulla prospettiva che l'economia americana scivoli in una recessione quest'anno.
  • L'S&P 500 è attualmente scambiato in rialzo di circa l'8,0% rispetto all'inizio del 2023.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

ha ridotto il suo guadagno infragiornaliero mercoledì a seguito di un rapporto di Bloomberg secondo cui Royal Group ha costruito una posizione corta multimiliardaria in azioni statunitensi.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

In cosa sta invece investendo Royal Group?

Copy link to section

Con sede ad Abu Dhabi, la suddetta società di investimento è controllata dallo sceicco Tahnoon bin Zayed Al Nahyan, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Tuttavia, le azioni o i settori particolari contro cui sta scommettendo rimangono sconosciuti.

Royal Group ha voltato le spalle alle azioni poiché i timori di recessione sono diventati più evidenti all’inizio di quest’anno. Da allora, sta allocando più capitale ai Treasuries statunitensi a breve termine.

Il conglomerato ha ampliato la sua esposizione anche a materie prime e criptovalute, hanno confermato le fonti anonime.

Royal Group ha rifiutato di commentare il rapporto oggi.

Fattori che potrebbero pesare sulle azioni Usa

Copy link to section

Le persone che hanno familiarità con la questione hanno anche affermato che Royal Group probabilmente andrà di nuovo lungo sulle azioni statunitensi una volta che le valutazioni miglioreranno e la banca centrale segnalerà che è pronta a tagliare i tassi.

Nel frattempo, però, scommette sui recenti fallimenti bancari che alimentano i timori di recessione e pesano sul sentiment generale del mercato. È anche degno di nota il fatto che una potenziale ripresa dei prezzi del petrolio potrebbe essere un altro vento contrario per l’S&P 500.

Per ora, tuttavia, l’inflazione negli Stati Uniti sta correndo a un tasso annualizzato del 4,9%, come riportato da Invezz QUI.

La scorsa settimana, Citi ha anche avvertito di un ribasso al livello di 3.700 nell’indice di riferimento che, nonostante le sfide, è scambiato in rialzo di circa l’8,0% per l’anno alla scrittura.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

USA Asia Borsa Mondo Nord America