USD/CHF vacilla prima della decisione del tasso d’interesse della BNS

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Giu 16, 2020
  • Coppia USD/CHF cambia poco: investitori reagiscono ai forti numeri delle vendite al dettaglio USA.
  • La coppia ha anche reagito ai crescenti rischi della penisola coreana.
  • L'attenzione si sposta ora sulla BNS, che giovedì dovrebbe lasciare invariati i tassi d'interesse.

La coppia USD/CHF è stata oggi poco cambiata, poiché gli investitori hanno riflettuto sulle vendite al dettaglio positive negli Stati Uniti, sulle ultime azioni della Fed e sulle previsioni economiche della SECO.

USDCHF
USD/CHF vacilla prima della decisione della BNS

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti in rialzo grazie alle stime

L’economia americana si sta riprendendo. All’inizio di questo mese, i dati del Bureau of Labour Statistics (BLS) hanno mostrato che gli Stati Uniti hanno aggiunto più di 2,5 milioni di posti di lavoro a maggio, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 13,3%. I dati successivi, tra cui la produzione industriale, la fiducia dei consumatori e il PMI manifatturiero, ha mostrato che l’attività è migliorata a maggio.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ora gli americani stanno aumentando le loro attività di shopping. Questo secondo gli ultimi dati di vendita al dettaglio rilasciati dal Census Bureau.

I numeri mostrano che le vendite al dettaglio sono aumentate del 17,7% a maggio, dopo essere calate del 14,7% ad aprile. Il numero ha sorpreso gli analisti, che si aspettavano un aumento dell’8,0%. Le vendite sono salite a 485,5 miliardi di dollari rispetto ai precedenti 412 miliardi di dollari.

Il core retail, che esclude i prodotti alimentari ed energetici volatili, è aumentato del 12,4% dopo il calo del 15,2% del mese precedente.

Secondo il bureau, le vendite del commercio al dettaglio sono aumentate del 16,8%, mentre quelle non commerciali del 30,8%. Allo stesso tempo, i rivenditori di materiali da costruzione e di attrezzature e forniture per il giardino sono aumentati del 16,4%.

Oltre alle vendite al dettaglio, i dati della Federal Reserve hanno mostrato che la produzione industriale e la produzione manifatturiera hanno registrato una ripresa nel mese di maggio. Le due sono aumentate dell’1,4% e del 3,8%, dopo un calo rispettivamente dell’11% e del 13,7%.

Questi numeri sono arrivati un giorno dopo che la Federal Reserve ha annunciato che avrebbe iniziato ad acquistare il debito individuale delle imprese. Questi acquisti si aggiungeranno alle obbligazioni che sta acquistando tramite ETF obbligazionari.

I rischi globali aumentano con l’aumentare del rischio USD/CHF

La coppia USD/CHF è stata messa a tacere in un giorno in cui i rischi globali hanno continuato a crescere. In tempi normali, la coppia tende a reagire alle questioni geopolitiche perché il franco svizzero è spesso visto come una valuta sicura.

Oggi sono accadute tre questioni geopolitiche fondamentali. In primo luogo, Donald Trump ha confermato che gli Stati Uniti ritireranno circa 25.000 truppe dalla Germania. Ha detto che la mossa è dovuta principalmente al fatto che la Germania non ha pagato la sua giusta parte alla NATO.

In secondo luogo, con una mossa non convenzionale, la Corea del Nord ha distrutto l’ufficio di collegamento nella zona demilitarizzata. Questo rischia di aggravare le tensioni nella penisola in un momento di pandemia. La distruzione è avvenuta una settimana dopo che il Nord ha tagliato le comunicazioni tra i vertici con il Sud.

In terzo luogo, oggi sono morti tre soldati indiani mentre si intensificava il conflitto tra India e Cina. Un conflitto tra i Paesi più popolati del mondo è una questione geopolitica di grande importanza.

La Svizzera si dirige verso la peggiore recessione

La coppia USD/CHF ha reagito anche alle ultime previsioni della Segreteria di Stato dell’economia (SECO). Nel suo rapporto, l’ufficio ha affermato che l’economia del Paese si contrarrà del 6,2% quest’anno a causa della pandemia di Coronavirus. Questa contrazione è leggermente migliore del calo del 6,7% previsto nella precedente riunione. Si prevede inoltre una ripresa dell’economia del 4,9% nel 2020.

Secondo il bureau, il Paese raggiungerà questa crescita a condizione che non ci sia una seconda ondata del virus. Inoltre, la ripresa dipenderà dai bassi livelli di fallimenti aziendali e dall’aumento degli investimenti.

Il rapporto afferma:

“Da un lato, l’economia potrebbe riprendersi più rapidamente di quanto previsto, se, ad esempio, le misure venissero allentate più rapidamente, se i consumatori svizzeri si dimostrassero meno turbati dal Coronavirus o se altri Paesi recuperassero il terreno perduto più velocemente del previsto”.

Il rapporto è arrivato due giorni prima della decisione della BNS in materia di tassi d’interesse. Gli analisti intervistati da Bloomberg prevedono che la banca lascerà invariati i tassi d’interesse a meno 0,75%. In base ai dati odierni, alcuni prevedono che la banca annuncerà politiche più accomodanti.

Alcuni analisti ritengono inoltre che la banca sorprenderà il mercato muovendo i tassi di interesse in modo ulteriormente negativo.

Prospettive tecniche USD/CHF

USD/CHF
Analisi tecnica USD/CHF

La coppia USD/CHF è quotata a 0,9490, che è inferiore a 0,9900, il punto più alto di maggio. Il recente calo potrebbe spingere la BNS ad annunciare misure che indeboliranno il franco. Sul grafico giornaliero, il prezzo è inferiore alle medie mobili esponenziali a 50 e 100 giorni.

Inoltre, l’Average True Range (ATR), che misura la volatilità, ha registrato una tendenza al rialzo. Pertanto, c’è la probabilità di un breakout significativo nei prossimi giorni. Come tale, i livelli chiave da tenere d’occhio saranno 0,9600 e 0,9400.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro