I tre concetti chiave più importanti negli investimenti

Di:
su Set 20, 2022
Aggiornato: Set 26, 2022
  • Il mercato azionario ha restituito in media l'8,5% annuo
  • Gli investitori attivi sottoperformano il mercato azionario
  • I motivi per acquistare sono numerosi, nonostante i miei timori per l'economia

Ci sono tre concetti chiave estremamente importanti per quanto riguarda gli investimenti. In effetti, credo che siano le tre informazioni più importanti che qualsiasi investitore possa comprendere. Sono incredibilmente semplici, ma hanno un impatto di vasta portata.

  1. La maggior parte degli investitori attivi non riesce a battere il mercato
  2. L’S&P 500 ha un rendimento storico aggiornato all’inflazione con una media dell’8,5%
  3. Il mercato è estremamente volatile

Questi concetti sono tutt’altro che segreti, ma anche piuttosto trascurati da molti media e investitori. Le emozioni umane sono una cosa potente, immagino.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La gestione attiva sottoperforma i fondi indicizzati

In primo luogo, l’affermazione che i rendimenti più attivi non riescono a battere il mercato è oggettivamente vera, punto e basta. A scanso di equivoci, sto usando l’S&P 500 come proxy per il “mercato”, quindi la media dell’8,5% è il benchmark da battere. Battere il mercato è difficile.

Sono stati condotti numerosi studi su questo e praticamente ognuno ha trovato investitori attivi che non riescono a soddisfare il mercato a lungo termine. Ciò avviene a causa di una combinazione di commissioni: commissioni di transazione, commissioni di gestione, commissioni di ricerca, stipendi dell’amministratore, degli analisti, ecc. – L’elenco continua, e sommati intaccano i rendimenti degli investitori.

Se vuoi approfondire le prove alla base di questo, questo studio mostra che l’87% dei gestori statunitensi ha sottoperformato il benchmark tra il 2005 e il 2020. Forse più illustrativo è questo studio di S&P Global, che dipinge un bel quadro del confronto anno dopo anno. Non importa quale sia il numero finale, praticamente ogni studio ha supportato la gestione passiva.

L’S&P 500 tende al rialzo a lungo termine

Facciamo un breve ripasso:

  • 1973 Crisi petrolifera e spirale inflazionistica.
  • Crisi del debito latinoamericano, anni ’80,
  • Crisi bancaria scandinava degli anni ’90.
  • Bolla delle dot-com, primi anni 2000.
  • Crollo finanziario del 2008.
  • Pandemia COVID-19, 2020

Questa è solo una piccola selezione di alcune crisi che abbiamo affrontato nella storia recente. E nonostante tutto, il mercato azionario ha ancora una media dell’8,5%.

Certo, al momento sembra che il mondo ci stia crollando addosso. È allo stesso tempo deprimente e surreale che siamo nel 2022 e che ci sia una guerra in Europa. L’inflazione sta salendo a livelli mai visti dagli anni ’70. La Federal Reserve si sta agitando cercando di tenere tutto a freno. Il debito internazionale è a livelli record. La salute a lungo termine dell’intera economia sembra precaria come non mai.

Eppure, dai un’occhiata al grafico sottostante.

Il peso della storia è dalla parte del mercato azionario.

Se hai seguito il mio lavoro di recente, saprai che sono piuttosto ribassista riguardo all’economia. In effetti, ho paura di andare avanti. Ma il mio istinto è sufficiente a superare la forza dei rendimenti storici mostrati dalle due statistiche principali in questo articolo? Chi sono io per pensare di essere così intelligente da poter battere il mercato, di fronte a tutte queste prove?

Il mio articolo di un paio di settimane fa lo ha delineato bene: sono pessimista come quasi chiunque altro riguardo al futuro, eppure ho acquistato la mia più grande fetta di azioni dell’anno.

L’orizzonte temporale e la tolleranza al rischio sono importanti

Naturalmente, questo significa che dovrai fare attenzione poiché tutto ciò è legato al tuo orizzonte temporale come investitore, così come alla tua tolleranza al rischio, qualunque essa sia.

Io, personalmente, sono giovane, senza figli, né mutuo. Il mio unico grande acquisto nel prossimo e medio termine sarà probabilmente un acquisto all’ingrosso di riso da Sainsbury’s (è molto più economico comprare i big bag e fa risparmiare molti viaggi al supermercato).

Ma la volatilità a breve termine del mercato azionario è una bestia pericolosa. In sostanza, questo è il motivo per cui gli investitori vengono pagati l’8,5% all’anno, per sopportare questa volatilità. Se i tuoi obiettivi di portafoglio e la tua tolleranza al rischio non ti consentono di sopportare questa volatilità, sapendo che il tuo investimento potrebbe essere inferiore del 50% in pochi mesi, allora non è l’investimento che fa per te.

Ancora una volta, un grafico semplicissimo qui sotto mostra quanto può essere alto e basso il mercato. Basta guardare al 2008 (-37% di rendimento) per vedere quanto velocemente le cose possono cambiare. Anche a nove mesi dall’inizio dell’anno, il mercato è già in calo del 19% mentre scrivo.

Dovrei comprare azioni?

Di fronte a tutte queste prove, la tentazione per acquistare azioni – o almeno un fondo indicizzato – dopo il violento calo dei mercati, è forte se il tuo orizzonte temporale è lungo.

Il mercato sale – questo è inevitabile. È solo una questione di quando e quanto dolore vuoi sopportare a breve termine. Per quanto mi riguarda, le mie sensazioni sull’imminente fine dell’economia sono vere, ma la storia dimostra il contrario – e il mio orizzonte temporale troppo lungo – per non essere interessato a questo pullback. Dovrò solo stringere i denti, dimenticare i prezzi delle previsioni e pregare che la mia intuizione sia sbagliata sull’economia.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro

10/10
67% of retail CFD accounts lose money