Cos'è il controllo della curva dei rendimenti e cosa è successo oggi in Giappone?

Di:
su Dec 20, 2022
Listen
  • Le banche centrali di tutto il mondo stanno alzando i tassi di interesse, ma il Giappone è in controtendenza
  • Ha mantenuto la politica del denaro facile attraverso il controllo della curva dei rendimenti
  • Questa settimana ha alzato il suo target range a +/- 50 bps

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Il Giappone ha scosso il mercato martedì mattina con una modifica a sorpresa alla sua strategia di controllo della curva dei rendimenti. Ciò ha pompato lo yen contro il dollaro (USD/JPY) e ha inviato ondate in tutto il mercato, con i futures S&P 500 scesi nettamente. Ma cosa significa controllo della curva dei rendimenti?

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

La maggior parte delle banche centrali non utilizza il controllo della curva dei rendimenti

Copy link to section

La Federal Reserve statunitense gestisce in genere la crescita economica e l’inflazione attraverso la fissazione di un tasso di interesse chiave a breve termine noto come tasso sui fondi federali. Questo è il tasso che il mercato osserva così da vicino, in quanto determina quanto denaro a buon mercato deve prendere in prestito, il che ha implicazioni a catena per l’economia in generale.

Quest’anno, l’inflazione è aumentata rapidamente in tutto il mondo, il che ha portato le banche centrali ad aumentare in modo aggressivo i tassi, al fine di placare la domanda e raffreddare l’economia, il più recente dei quali è stato un aumento di 50 punti base (0,5%) la scorsa settimana.

Il grafico sopra mostra che i tassi di interesse sono scesi spesso vicino allo zero negli ultimi vent’anni. Pertanto, la capacità della banca centrale di influenzare la crescita economica è limitata perché non può più tagliare i tassi.

Inoltre, il tasso sui fondi Fed è il tasso a breve termine per cose come il debito della carta di credito e i prestiti auto. Mentre il tasso filtra attraverso l’economia, potrebbe voler influenzare direttamente il tasso di interesse a lungo termine, che è essenziale per cose come i tassi ipotecari.

Per raggiungere questo obiettivo, la banca centrale si impegna nell’acquisto di titoli e debito garantito dal governo sul mercato aperto, che immette riserve bancarie nell’economia. Questo è noto come allentamento quantitativo e mantiene il sistema finanziario inondato di credito. È la musica che suonano per continuare la festa, in altre parole.

In che modo il quantitative easing è diverso dal controllo della curva dei rendimenti?

Copy link to section

Ma un paese è diverso: il Giappone. La sua banca centrale, la Bank of Japan (BoJ), ha utilizzato una strategia diversa nota come controllo della curva dei rendimenti dal 2016. Questo è un modo più non convenzionale per mantenere i rendimenti a un certo livello e mira ai rendimenti a lungo termine.

Il controllo della curva dei rendimenti implica che una banca centrale acquisti o venda tutte le obbligazioni necessarie per raggiungere uno specifico tasso di interesse a lungo termine. Questo può sembrare simile al quantitative easing, dici. E hai ragione, lo è davvero. Sono due facce della stessa medaglia: hanno acquistato comportano l’acquisto di debito pubblico (titoli del Tesoro) per influenzare i tassi di interesse e pompare denaro nell’economia.

Ma la differenza è che il quantitative easing comporta l’acquisto di una quantità specifica di obbligazioni su base regolare per iniettare questo credito nel sistema. Considerando che il controllo della curva dei rendimenti comporta l’acquisto di tutte le obbligazioni necessarie per mantenere i rendimenti a un certo livello.

Pertanto, il quantitative easing si concentra sulla quantità di denaro, mentre il controllo della curva dei rendimenti riguarda l’obiettivo di uno specifico rendimento a lungo termine. E il controllo della curva dei rendimenti è tipicamente focalizzato sui rendimenti a lungo termine piuttosto che a breve termine.

Cosa sta accadendo in Giappone con il controllo della curva dei rendimenti?

Copy link to section

Nel caso del Giappone, nel 2016 la BoJ è passata a una politica di controllo della curva dei rendimenti che ha cercato di fissare il rendimento del titolo di Stato giapponese (JGB) a 10 anni allo 0%. Ciò significa che ogni volta che il rendimento del JGB supera lo 0%, la BoJ acquista obbligazioni per riportare il rendimento al ribasso.

I sostenitori di questa politica sostengono che le banche centrali possono ottenere un tasso di interesse inferiore con un bilancio molto ridotto rispetto a quello che potrebbero ottenere con il quantitative easing.

Il compromesso è che il commercio di obbligazioni può rallentare drasticamente. Le aziende possono anche essere incentivate a caricare il debito, consentendo alle aziende zombie di andare avanti semplicemente rinnovando il debito a buon mercato. C’è anche il problema delle aziende più grandi che probabilmente saranno in grado di trarre vantaggio da questi tassi più bassi in misura maggiore, sollevando ogni sorta di implicazioni di monopolio.

I critici affermano anche che le aspettative di inflazione aumentano. Ma il principale svantaggio potrebbe essere l’incertezza, poiché nessuno sa davvero quale sarà l’impatto della politica nel lungo periodo. La Federal Reserve ha eseguito il controllo della curva dei rendimenti sin dalla seconda guerra mondiale, ma da allora non è stato utilizzato in un periodo di tempo normale.

Cos’è successo oggi?

Copy link to section

Questa mattina, la Banca del Giappone ha colto i mercati alla sprovvista ampliando il suo obiettivo sul JGB a 10 anni per consentirle di spostarsi di 50 punti base su entrambi i lati dello 0%. Ha affermato in una dichiarazione che intendeva “migliorare il funzionamento del mercato e incoraggiare una formazione più agevole dell’intera curva dei rendimenti, pur mantenendo condizioni finanziarie accomodanti”.

Lo yen si rafforza di conseguenza, poiché rendimenti più elevati significano che è probabile che affluirà più capitale. Le azioni sia negli Stati Uniti che in Europa si sono ritirate prima dell’inizio della campana. È probabile che il mercato veda questo come un segnale che il Giappone si sta proteggendo dall’inflazione.

Con il Giappone che diventa più aggressivo, la posizione irremovibile della Fed questa settimana secondo cui i tassi elevati persisteranno e anche il capo della BCE Christine Lagarde avverte di tassi più alti, il mercato continua a rendersi conto che il 2023 potrebbe essere un ambiente di interessi elevati più a lungo di quanto previsto in precedenza .

Allacciate le cinture, il tempo dei soldi facili è ancora molto lontano.

JPY Borsa Obbligazioni