VIDEO: Sta arrivando una recessione? È tempo di comprare azioni?

Di:
su Jan 20, 2023
Listen to this article
  • La paura più grande del mercato ora è la recessione, a seguito di dati sull'inflazione più deboli
  • I dati deludenti provenienti dagli Stati Uniti hanno fatto scendere le azioni con l'aumentare della paura
  • Sam Burns, marketing strategico di Mill Street Research, si unisce al podcast per discutere del clima attuale

L’economia sta gettando un po’ di confusione là fuori. Anche se gli ultimi due mesi hanno portato alcune notizie positive sul fronte dell’inflazione, il mercato ora teme che una recessione sia effettivamente all’orizzonte.

L’S&P 500 si è ritirato questa settimana dopo alcuni dati economici deludenti provenienti dagli Stati Uniti, rinunciando ad alcuni di quei profitti ben guadagnati sulla scia di letture dell’inflazione più deboli. Quindi cos’è, inflazione o recessione? Le azioni salgono o le azioni scendono?

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ho chiacchierato con Sam Burns questa settimana sul podcast Invezz, uno stratega di mercato presso Mill Street Research, per sentire la sua opinione su qualsiasi argomento: il mercato azionario, le azioni della Fed, un mercato del lavoro ristretto, licenziamenti tecnologici, obbligazioni, il mercato immobiliare e se ora è un buon momento per comprare.

L’S&P 500 era appena sceso al di sotto di 4.000 come abbiamo registrato, poiché i deboli numeri al dettaglio negli Stati Uniti e la produzione industriale hanno spinto le azioni al ribasso. Ho chiesto a Sam quanto fosse probabile una recessione e se la Fed dovrebbe considerare se si è sovraesposta nel tentativo di evitare l’inflazione.

Abbiamo anche discusso dello scenario opposto, ovvero la probabilità che l’inflazione non possa essere evitata affatto. I paragoni con gli anni ’70 sembravano azzeccati, un decennio in cui l’inflazione ruggiva e forse il precedente più vicino che abbiamo a questo, beh, clima senza precedenti.

Il grafico sottostante mostra che l’inflazione è stata domata un paio di volte negli anni ’70, prima di tornare indietro con una vendetta – qualcosa di cui abbiamo discusso nel podcast in relazione al clima odierno.

Ho scritto sull’immobiliare questa settimana. Volevo ottenere l’opinione di Sam sull’indebolimento del mercato e alcune delle previsioni più pessimistiche che fluttuavano su dove il mercato potrebbe essere diretto.

Abbiamo anche coperto il mercato del lavoro, che è stato estremamente teso nonostante l’aumento dei tassi di interesse e i licenziamenti da prima pagina provenienti dal settore tecnologico. Questa settimana ha portato un’altra grande azienda tecnologica, Microsoft, a tagliare una parte sostanziale della sua forza lavoro. Sam ha espresso la sua opinione sul motivo per cui è più positivo sulle azioni, ma non ancora pronto a spostare la sua sottoponderazione del settore tecnologico.

Questo è solo un esempio di ciò che è stato davvero un rimbalzo su quasi tutti i principali argomenti macro in questo momento. In un mondo che vomitava punti di conversazione apparentemente infiniti in questo momento, non c’era certamente carenza di materiale.

Continua la conversazione su Twitter con @InvezzPortal, @DanniiAshmore e @OriginProtocol. Oppure visitare www.millstreetresearch.com per ulteriori informazioni.

Grazie per l’ascolto, seguici e iscriviti qui: