Cosa può insegnarci il Sound Money Index sugli stati americani e sui metalli preziosi?

Di:
su Aug 18, 2023
Listen
  • Questo rapporto innovativo cerca di classificare gli stati degli Stati Uniti in base al loro atteggiamento nei confronti del denaro solido.
  • Il Wyoming è al primo posto nell'indice.
  • Il rapporto potrebbe favorire la concorrenza tra Stati che potrebbero beneficiare di regolamenti più favorevoli.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

In un precedente articolo, ho discusso le differenze tra valuta e denaro.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

I testi economici standard di solito evidenziano tre caratteristiche chiave della moneta: un’unità di conto, un mezzo di scambio e una riserva di valore.

Secondo i sostenitori del sound money, la moneta manca di una di queste proprietà: la riserva di valore.

Mentre ci sono molte argomentazioni a favore dei meriti e dei demeriti della moneta sonante tradizionale, vale a dire il gold standard, rispetto al dollaro standard prevalente, la reputazione del biglietto verde come riserva di valore ha subito un duro colpo in quest’era di alta inflazione e incredibilmente squilibrato fiscale. politiche.

Non molto tempo fa, infatti, nel 2021, il segretario al Tesoro Janet Yellen insisteva sul fatto che l’inflazione fosse transitoria.

I lettori potrebbero anche ricordare che Yellen prevedeva che l’inflazione avrebbe raggiunto il 3% entro la fine del 2021, mentre l’IPC ha raggiunto il 6,8% su base annua, salendo al 9,1% su base annua a giugno 2022.

A dicembre 2021, il PCE core ha raggiunto il 4,7% su base annua, prima di raggiungere il picco del 5,3% su base annua a marzo 2021.

Il Core PCE è stato molto più appiccicoso, attestandosi ostinatamente sopra il 4% su base annua.

Il giudizio economico non è un compito facile, nemmeno per i principali politici.

Nessuno ha una sfera di cristallo, ma dopo l’era dei tassi ultra bassi e delle politiche di denaro facile che hanno dominato l’economia globale dopo la GFC, l’inflazione alle stelle non è stata una sorpresa per molti sostenitori del denaro sano.

Data la quantità di regimi di sostegno fiscale diffusi e mirati e meccanismi di protezione dei salari, le azioni economiche delle autorità statunitensi nel mezzo della pandemia hanno inavvertitamente alimentato i massimi di quattro decenni dell’inflazione.

In questo scenario, i detentori di valuta (inclusi gli stati USA) non avevano altra scelta che stare a guardare mentre il potere d’acquisto delle loro partecipazioni veniva eroso.

Sebbene l’economia e il sistema finanziario degli Stati Uniti abbiano mostrato una notevole capacità di recupero di fronte alla politica aggressiva, la cattiva notizia è che molti economisti non credono che siamo ancora fuori dai guai dell’inflazione.

Gente come Peter Schiff, CEO e chief global strategist di Euro Pacific Capital, prevede una significativa pressione al rialzo sull’indice dei prezzi al consumo prima della fine dell’anno.

Oro e argento come denaro sonante

Copy link to section

Dall’altra parte dello spettro, l’oro e l’argento sono stati a lungo considerati una vera moneta solida, avendo mantenuto il loro potere d’acquisto per migliaia di anni.

Questo è abbastanza diverso dalle moderne valute di riserva cartacee, che come ho menzionato in un precedente articolo per Invezz, “sono arrivate, hanno conquistato e (sono) state poi spostate”.

In altre parole, la loro riserva di proprietà di valore è evaporata, a causa degli eccessi non intenzionali dei politici o dei cambiamenti radicali nel contesto economico.

Alla fine accadrà la stessa cosa al dollaro USA?

La storia direbbe che inevitabilmente lo farebbe, mentre i politici monetari non hanno necessariamente aiutato la sua causa.

L’oro e l’argento eludono i pericoli di trarre la loro legittimità dalla buona volontà di cui gode un particolare stato o istituzione, e hanno dimostrato la loro durata essendo la scelta duratura del libero mercato.

Pertanto, questi metalli preziosi sono l’unico denaro valido, o almeno il denaro “più solido”, lo sappiamo.

Gli stati chiedono denaro sonante

Copy link to section

Di seguito si riporta uno stralcio del suddetto articolo,

In primo luogo, l’inflazione continua a devastare i bilanci delle famiglie e minaccia l’accesso a beni di prima necessità come carburante e cibo.

In secondo luogo, a luglio di quest’anno, il governo degli Stati Uniti dovrebbe lanciare la sua Central Bank Digital Currency (CBDC).

Data la natura programmabile di questo strumento, Robert E. Wright, Senior Research Fellow presso l’American Institute for Economic Research, mette in guardia contro un’eccessiva centralizzazione del controllo sulle decisioni di acquisto dei comuni cittadini.

Wright aggiunge che i CBDC potrebbero non essere considerati denaro ai sensi della Costituzione.

In terzo luogo, con il sanguinamento delle obbligazioni negli ultimi due anni, un numero crescente di stati ha trovato i propri fondi pensione in gravi difficoltà.

Di conseguenza, le legislature statali hanno assistito a una raffica di progetti di legge nel 2023, che cercavano di ripristinare il riconoscimento dell’oro e dell’argento come denaro, come è avvenuto rispettivamente fino al 1971 e al 1964.

Indice di denaro sonoro

Copy link to section

Il pezzo sopra ha anche notato,

Il primo passo verso l’integrazione del riconoscimento come moneta a corso legale è eliminare l’imposta sulle vendite dai metalli preziosi… Questo è fondamentale perché elimina i costi di transazione inutili e gli attriti inutili che possono ostacolare la libertà di scambio.

Il secondo grande ostacolo verso una maggiore accettazione del denaro sonante è l’imposta sul reddito imposta sulle plusvalenze.

Pertanto, con i regimi fiscali statali come fulcro, la Sound Money Defense League e Money Metals Exchange hanno collaborato alla pubblicazione del Sound Money Index 2023, nel tentativo di classificare gli stati in base al grado di accettazione o rifiuto dei principi del denaro sano.

In breve, quanto sono disposti i singoli Stati a consentire investimenti e transazioni in metalli preziosi per salvaguardarsi dal potenziale deprezzamento del dollaro?

Disegno dell’indice

Copy link to section

Per essere il più obiettivo possibile, l’indice è composto da 13 caratteristiche chiave che insieme sommano fino a un massimo di 100 punti e sono elencate di seguito:

  • Imposta statale sulle vendite di oro e argento (16 punti)
  • Imposta statale sulle vendite su platino e palladio (4 punti)
  • Aliquota dell’imposta statale sulle vendite (2 punti)
  • Imposta statale sul reddito (16 punti)
  • Aliquota dell’imposta sul reddito statale (2 punti)
  • Stato di oro e argento come denaro (8 punti)
  • Contratti con clausole Gold e Silver (4 punti)
  • Deposito statale di lingotti d’oro e d’argento (8 punti)
  • Fondi di riserva statale (8 punti)
  • Fondi Pensione Pubblici Statali (8 punti)
  • (Investiti o emessi) in obbligazioni statali in oro (4 punti)
  • Leggi sui commercianti di metalli preziosi e sulle molestie agli investitori (10 punti)
  • Meccanismi di appalto delle specie statali (10 punti)

I dettagli della metodologia e il modo in cui vengono assegnati i punti per ciascuna categoria sono disponibili nel rapporto principale.

Come accennato in precedenza, la tassazione gioca un ruolo fuori misura in termini di solide politiche monetarie, contribuendo al 40% dell’indice.

Risultati

Copy link to section

Il Wyoming è in testa al gruppo con un punteggio complessivo del 56%, seguito da vicino da South Dakota, Alaska e New Hampshire, ciascuno al 50%.

A livello aggregato, lo studio ha prodotto i seguenti risultati per ogni stato:

Source: Sound Money Defense League; Money Metals Exchange

In termini molto generali, gli stati di basso rango erano concentrati nell’est, mentre la tendenza divenne più favorevole alla riforma della moneta solida mentre si spostava verso ovest e nel centro del paese.

Ci sono notevoli eccezioni, ovviamente.

Il New Hampshire, che si è classificato al quarto posto, si trova sulla costa orientale.

La costa occidentale, che comprende la California e l’Oregon, ha ottenuto risultati relativamente scarsi nell’indice.

Source: Sound Money Defense League; Money Metals Exchange

Wyoming, South Dakota, Utah, Arizona e Nevada, sono cinque stati adiacenti nel centro del paese, che compaiono tutti nella top 10 del Sound Money Index.

Imposta sulle vendite

Copy link to section

Il rapporto sostiene che l’imposta sulle vendite è un inutile impedimento al possesso di metalli preziosi come riserva di valore.

In un certo senso, acquistando oro o argento, il cliente sta semplicemente scambiando una forma di valuta (nel suo senso più ampio) con un’altra.

Di conseguenza, è probabile che i potenziali clienti evitino gli investimenti in metalli preziosi a favore di altri strumenti finanziari che eludono l’imposta sulle vendite.

In conversazione con Keith Weiner, fondatore e CEO di Money Metals Exchange; JP Cortez, Policy Director presso la Sound Money Defense League, ha sostenuto che le tasse sulle vendite sui metalli preziosi sono illogiche perché questi beni sono detenuti per la rivendita.

A differenza dei biscotti o delle palline da tennis, l’acquirente non è il punto finale di consumo e fa questi acquisti come un investimento con il preciso scopo di rivenderli in futuro.

Cortez è stato enfatico quando ha detto:

Riteniamo che le tasse siano il maggior impedimento all’uso dell’oro e dell’argento.

A parte la Florida e New York, tutti gli stati tra i primi 36 hanno ricevuto ben 16 punti per non aver applicato alcuna imposta sulle vendite all’oro o all’argento sia come monete che come lingotti.

Source: Sound Money Defense League; Money Metals Exchange

Solo 8 stati, il più alto dei quali era la Florida al numero dieci, hanno istituito esenzioni parziali, mentre altri 8 stati che erano tutti negli ultimi dieci non avevano esenzioni.

In termini di palladio o platino, 28 stati tra cui il South Dakota e l’Alaska hanno completamente evitato l’imposta sulle vendite su questi altri metalli che sono stati anche storicamente considerati una riserva di valore.

Il Wyoming, che ha preso il primo posto, e altri 11 stati, come Texas, Utah e Florida, hanno legiferato solo esenzioni parziali in questa categoria.

In totale, 43 stati, il più recente dei quali è il Mississippi, non hanno alcuna imposta sulle vendite o esenzioni parziali sui metalli preziosi.

Questa è una parte significativa del paese, con New Mexico, Hawaii, Wisconsin, Kentucky, Maine, Vermont e New Jersey che sono gli unici stati in cui l’imposta sulle vendite continua ad essere pienamente applicata.

In alcuni di questi stati sono attualmente in corso azioni legislative per abrogare questa pratica.

Il rapporto ha anche valutato l’aliquota complessiva dell’imposta sulle vendite applicata in uno stato, quindi non solo sui metalli preziosi.

Questo era nullo o inferiore alla media nazionale in 23 stati ed è stato trattato favorevolmente nell’indice.

Non sorprende che questi includessero Wyoming, South Dakota, Alaska e New Hampshire, che costituivano i primi 4 stati del Sound Money Index.

Lo stato con il punteggio più basso a ricevere ben 2 punti nella categoria è stato il Maine, che era al numero 48.

Imposta sul reddito

Copy link to section

L’abolizione dell’imposta sul reddito su oro e argento è un’altra componente importante delle politiche monetarie sane.

Con così tanti progressi compiuti per quanto riguarda l’imposta sulle vendite di metalli preziosi, è naturale che i legislatori rivolgano la loro attenzione alle imposte sul reddito.

L’argomentazione avanzata da Cortez è che il motivo per cui l’oro e l’argento registrano guadagni nominali è dovuto all’erosione del potere d’acquisto delle banconote della Federal Reserve e di altre valute.

Chiede perché i contribuenti dovrebbero essere soggetti all’imposta sul reddito quando non sono in grado di detrarre le perdite subite mentre i dollari si deprezzano di valore a causa dell’inflazione.

Il rapporto del Sound Money Index afferma che si tratta di un “guadagno fantasma” a causa della risposta dei metalli all’inflazione, a causa della loro riserva di proprietà di valore.

In altre parole, il rapporto sostiene che i metalli preziosi non valgono di più. Sono le valute che valgono meno.

Weiner concordava e osservava,

…hai comprato oro nel 1970. Lo stai vendendo adesso. Non hai un guadagno di…$1975 meno $35…(diciamo,) $1940. Hai semplicemente evitato la perdita del dollaro durante quel periodo.

I sostenitori del sound money sostengono che l’imposta sul reddito è in vigore, penalizzando gli investitori che hanno visto le potenziali insidie delle politiche economiche e hanno lavorato attivamente per proteggersi da essa.

Ha aggiunto,

…Ho usato alcuni numeri dal Texas e poi ho imputato i tassi dell’Arizona…stai guardando a un basso importo a sei cifre all’anno che lo stato perderebbe se abroghi l’imposta sulle plusvalenze. Questo non è un gran numero… (ma a causa) dell’imposta sulle vendite che i rivenditori non possono fare affari nel tuo stato… guarda quanti affari stai rifiutando. Voglio dire, sono potenzialmente centinaia di milioni di dollari di entrate.

In tutto il paese, solo 10 stati hanno ottenuto ben 16 punti per non aver applicato l’imposta sul reddito ai metalli preziosi.

Questi stati sono stati anche i primi 10 stati performanti nell’indice, ancora una volta, sottolineando l’importanza della tassazione per solide politiche monetarie.

Gli ultimi 40 stati continuano ad applicare l’imposta sul reddito su oro e argento.

Oltre ai metalli preziosi, i primi 10 stati o non hanno alcuna imposta sul reddito statale o tassano i redditi a un’aliquota inferiore alla media nazionale.

17 stati impongono un’imposta complessiva sul reddito superiore alla media nazionale e includono Delaware e Montana, rispettivamente al 14 ° e 15 ° posto nell’indice.

California, Minnesota, Maine, New Jersey e Vermont applicano ciascuno un tasso superiore alla media nazionale e costituiscono gli ultimi cinque stati dell’indice.

Riaffermò l’oro e l’argento come denaro

Copy link to section

Come discusso in precedenza, l’oro e l’argento erano ritenuti dal libero mercato le forme di denaro più resistenti.

Nel 2023, c’è stata un’esplosione di sforzi attivi dal basso per riconoscere nuovamente l’oro e l’argento come denaro in diversi stati, ai sensi dell’articolo 1, sezione 10, della Costituzione.

Eppure, finora, solo il Wyoming, che è al primo posto, lo Utah, che è al sesto posto, e l’Oklahoma, che è al dodicesimo posto nell’indice, hanno ufficialmente riaffermato l’oro e l’argento come moneta.

Source: Sound Money Defense League; Money Metals Exchange

Altre categorie

Copy link to section

Deposito statale di lingotti d’oro e d’argento

In un precedente articolo, ho discusso dei potenziali pericoli che derivano dallo stoccaggio dell’oro fisico in depositi commerciali più grandi, in particolare se collegati a uno scambio attivo.

In questo momento, solo il Texas ha depositi di metalli preziosi all’interno dello stato pienamente funzionanti, che ottengono il punteggio pieno.

Oltre a fornire sicurezza per le loro riserve di lingotti, lo stato si aspetta che i depositari interni creino risparmi cruciali generando nuovi posti di lavoro.

L’Idaho ha ottenuto 4 punti su 8 in questa categoria, poiché ha adottato politiche per consentire ai depositari privati di funzionare all’interno dello stato sotto un certo livello di supervisione del governo.

In base a questi schemi, qualsiasi metallo prezioso che passa di mano potrebbe anche essere scambiato con dollari e quindi trasferito a una banca normale.

Queste soluzioni incoraggerebbero i privati cittadini a risparmiare in oro o argento, nonché a negoziare in metalli preziosi con maggiore fiducia.

Ron’s Basement, un canale gestito dall’investitore di metalli preziosi fisici, Ronald Branstetter, ha stimato che lo stato del Missouri (che si trova al 19 ° posto nell’indice) avrebbe bisogno di acquistare lingotti per un valore di 9 milioni di dollari per soddisfare i criteri stabiliti in una moneta solida disegno di legge che era in discussione nell’aprile 2023.

Con altri stati che vedono movimenti legislativi simili, c’è una maggiore probabilità che vengano implementati più framework relativi ai depositi e infrastrutture associate.

In particolare, lo stato della Carolina del Nord sta cercando di condurre uno studio di fattibilità per valutare i pro ei contro dell’avvio di un deposito di metalli preziosi nello stato (e bitcoin quotato).

Fondi pubblici di previdenza statale

L’Ohio, che si trova al 22 ° posto nell’indice, è l’unico stato a detenere oro e argento fisico nel suo fondo pensione statale.

L’Ohio Police and Fire Pension Fund detiene un considerevole 5% del suo portafoglio in questi metalli, pari a circa $ 16 miliardi.

Il rapporto rileva che con l’inflazione che rappresenta una grave minaccia e le continue preoccupazioni per le corse agli sportelli, è dovere fiduciario dei gestori di portafoglio mantenere metalli rifugio a fini di diversificazione.

Commerciante di metalli e molestie agli investitori

Il rapporto sottolinea che gli stessi commercianti di metalli preziosi sono spesso soggetti a normative gravose che comportano costi vivi più elevati e possono dissuadere gli investimenti in oro e argento.

A questo proposito le amministrazioni operano in autonomia e assistiamo ad un vero e proprio miscuglio di normative che possono differire da stato a stato.

L’alto livello di requisiti normativi può includere,

…raccolta di impronte digitali, misurazioni fisiche, colore dei capelli e degli occhi, numeri di previdenza sociale o altre forme di identificazione (come tatuaggi notevoli e tratti del viso) – insieme all’obbligo di inviare informazioni sensibili alle forze dell’ordine su una routine quotidiana… (Alcuni stati) rendono illegale per i rivenditori vendere il proprio inventario per giorni o settimane (danneggiando gravemente le imprese e immobilizzando il loro capitale)… Alcuni stati vietano anche l’uso di contanti quando si acquistano o si vendono metalli preziosi.

Queste misure non sono solo enormi ostacoli per le parti che vogliono impegnarsi liberamente nel commercio, ma possono portare a costi assicurativi significativamente più elevati, scartoffie, problemi di privacy, responsabilità normative, esposizione a prezzi di mercato volatili e schiacciare i margini già incredibilmente ristretti dei rivenditori.

Source: Sound Money Defense League; Money Metals Exchange

Come risulta chiaro dalla mappa di cui sopra, gli stati hanno adottato approcci molto diversi alla questione dell’alleggerimento dei costi di transazione per i commercianti di metalli preziosi.

18 stati hanno ottenuto 10 punti su 10, inclusi i primi 4 di Wyoming, South Dakota, Alaska e New Hampshire.

È interessante notare che questo elenco include anche cinque degli ultimi 10 stati: New Mexico, Hawaii, Mississippi, Wisconsin e Kentucky.

Nebraska e Massachusetts hanno segnato 8 punti su 10 ciascuno; Missouri, Oregon, Connecticut, Maine e New Jersey hanno segnato 6 punti; Texas, Colorado, Virginia, Kansas, Rhode Island e Vermont hanno ricevuto ciascuno 4 punti; mentre 18 stati hanno ricevuto solo 2 punti, tra cui Utah, Arizona, Nevada e Tennessee, stati che si sono classificati dal 6 ° al 9 ° posto nell’indice.

Il Minnesota, che si è classificato al 47 ° posto, è stato l’unico stato a segnare 0 punti su 10.

Zero categorie

Tutti gli stati hanno ottenuto 0 punti in 4 delle 13 categorie.

Questi includono clausole contrattuali d’oro e d’argento (4 punti possibili), fondi di riserva statale (8 punti possibili), obbligazioni statali in oro (4 punti possibili) e meccanismi di gara delle specie statali (10 punti).

L’ultima categoria verifica se qualche stato accetta o rimette le tasse in oro e argento.

Prossimi passi

Copy link to section

A causa della recente impennata dell’inflazione, delle catastrofiche corse bancarie all’inizio di quest’anno e della continua aggressività della Fed, il consumatore medio sta diventando acutamente consapevole dell’importanza dei metalli preziosi fisici nei propri portafogli personali.

Allo stesso tempo, i governi statali temono ulteriori perdite del dollaro e crescenti oneri fiscali, in particolare per quanto riguarda l’imminente ondata di pagamenti delle pensioni statali.

Date le incertezze sull’inflazione elevata, qualsiasi pianificazione economica, personale o pubblica, soprattutto a lungo termine è ora minacciata.

Per i governi e i gruppi di difesa, il Sound Money Index non solo traccia un percorso potenziale per la propria legislazione, ma evidenzia il ruolo della concorrenza statale nel garantire la resilienza finanziaria e sostenere le imprese di lingotti e un più ampio ecosistema di moneta solida.

Pertanto, possiamo aspettarci una maggiore pressione sui legislatori affinché accettino l’eliminazione delle tasse e si spostino verso una moneta solida come compagna, se non come alternativa al dollaro.

In particolare, Texas, Utah, Arizona, Nevada e Tennessee, che sono stati classificati dal 5 ° al 9 ° posto nell’indice, potrebbero potenzialmente competere per le prime 5 posizioni allentando gli ostacoli sui commercianti di metalli preziosi.

In termini di concorrenza statale nella promozione di solide politiche monetarie, quattro categorie zero possono prestarsi a un vantaggio della prima mossa.

Secondo Cortez, l’Arkansas ha recentemente convertito in legge una solida fattura che includeva un linguaggio relativo all’esecuzione di contratti che consentono il pagamento in oro o argento.

In tal caso, il pagamento dell’oro o dell’argento, se concordato, dovrebbe essere effettuato nei metalli stessi e non negli importi in valuta equivalenti.

Questo è un meccanismo che protegge specificamente dalla possibilità di un’elevata inflazione del dollaro, in particolare in relazione a piani a lungo termine che possono durare da due a tre decenni.

Questa modifica non è stata inclusa nella relazione di quest’anno, ma secondo la mia attuale comprensione, dovrebbe essere inclusa nella relazione successiva.

Ci sono anche alcuni progetti di legge a livello federale che stanno tentando di introdurre una solida legislazione sul denaro in tutto il paese, in un colpo solo, che continueremo a monitorare andando avanti.

Infine, il Sound Money Index dell’anno successivo esaminerà anche l’impatto delle tasse sulle attività commerciali sui commercianti di metalli preziosi e sarà incorporato come quattordicesima categoria.

Annesso

Copy link to section
Source: Sound Money Defense League; Money Metals Exchange

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

Ad

Cerchi dei segnali di trading per criptovalute, forex e titoli facili da seguire? Semplifica il processo di trading copiando i trader professionisti del nostro team. Risultati consistenti. Registrati oggi su Invezz Signals™.

0/10
Learn more
Argento EUR Oro Palladio Platino USA Commodities Nord America Pensioni Risparmi